Yongnuo YN560 II – Primo contatto

Bene. Come promesso a molti di voi eccoci a parlare della nuova versione del popolare flash a slitta manuale Yongnuo YN 560. Parlo di YN 560 – II per l’appunto.

Ho ricevuto da poco il flash dal mio fornitore di fiducia (sarti fotografia) ed ho realizzato rapidamente un video dove vi illustro le novità estetiche e funzionali e le mie prime impressioni sul prodotto.

Vi ricordo che si tratta di un flash manuale (niente automatismi !!!), con numero guida 58, compatibile con tutte le macchine dotate di slitta a contatto caldo e con la maggioranza dei trigger in commercio (in teoria, poi non datemi responsabilità; l’unico che può garantirvi compatibilità è il produttore 😉 ).

2012-03-03T11:24:23+00:00 marzo 3rd, 2012|Illuminazione, Prove e Recensioni|74 Comments

74 Comments

  1. Tiziano Borsatti 4 marzo 2012 at 17:54

    Ciao Paolo,
    ti ringrazio per la recensione. Come ti avevo antiipato l’altra volta quando mi hai consigliato l’yn565 ex, mi sto addentrando allo scatto con le small lights..
    Vorrei sapere se possibile, se posso abbinare anche 2 flash come questo da te recensito per farli funzionare con il 565 ex. Ho una 7d. Mi occorre anche un trigger ? Scusami per le domande banali…

    Ti ringrazio,

    Tiziano Borsatti

    • Neoz 4 marzo 2012 at 21:01

      Tenendo conto che i 560 sono solo manuali puoi benissimo abbinarli ad un 565EX e se usi tutto in manuale direi che un paio di trigger te li dovresti comprare.
      I flash che non hanno i ricevitori collegati li imposti in modalità S1 e sei a posto (in interni o fino a 15 metri in esterni).

      Con la 7D il 565 EX può scattare senza trigger, comandato dal flash integrato della reflex (come spiego in questo video : http://blog.neoz.it/2011/12/workshop-a-fotografica-2011-by-paolo-neoz-ferraris-zmphoto-video-integrale/) , ma il tutto ti limita in certe occasioni quindi una coppia di trigger prendila comunque.

      Buona luce !

  2. Massimiliano 15 marzo 2012 at 10:37

    Ciao Paolo, non riesco a trovarlo da nessuna parte in vendita.. nemmeno da Sarti, ha solo il primo modello. Qualche indicazione?

    grazie mille
    Massimiliano

    • Neoz 15 marzo 2012 at 10:47

      A sarti dovrebbero arrivare. Io l’ho avuto da lui, mi ha mandato uno dei primi che ha ordinato. Chiedi a lui e fattene prenotare uno per quando gli arrivano. Secondo me è la cosa migliore se non vuoi avventurarti oltre l’italia.

      Ciao ciao !

      • Massimiliano 15 marzo 2012 at 11:30

        Grazie, ho scritto a Sarti che mi dice dovrebbero essere disponibili per fine Marzo.

        ciao e grazie per la cortesia come sempre

        • Neoz 15 marzo 2012 at 11:33

          😉

  3. Massimiliano 20 marzo 2012 at 20:12

    Bravo, complimenti per le sue chiarissime spiegazioni !!!

    • Neoz 21 marzo 2012 at 10:22

      Grazie mille Massimiliano !

  4. Sandro 9 maggio 2012 at 06:59

    Recensione efficace, possiedo il Canon 580 e 430 , ma due yn 520 li prenderei devo fare un matrimonio quindi puoi inviarmi il numero di sarti che non conosco, grazie!

  5. Michele 8 ottobre 2012 at 14:18

    Ciao Paolo,
    Prima di tutto complimenti per il Blog! Davvero MOOOOLTO utile!!!
    Una domanda, vorrei acquistare questo flash, ho già un 580exii, come li vedresti accoppiati a due Softbox 60x90cm?
    otterrei una buona luce?
    Ho già due ombrelli riflettenti da 101cm, e devo dire che con il 580 si ottengono buoni risultati, con i SB andrei a migliorare la luce?
    Ciao
    Grazie mille
    Mic

    • Neoz 8 ottobre 2012 at 14:41

      Grazie per i complimenti. Sempre felice di esservi utile 🙂

      La luce non è mai buona o cattiva 😉 Puoi ottenere fantastici risultati con una luce dura, con una luce morbida, con ombrelli, softbox e tantissimi altri accessori.
      Quello che è importante è usare il modificatore giusto a seconda delle proprie esigenze.

      Rispetto ad un ombrello riflettente la luce di un softbox è un po’ diversa (non agli antipodi intendiamoci).
      Nel caso di un SB 60*90 avrai una maggiore concentrazione rispetto all’ombrello ed una forma del raggio di luce emesso che segue meglio la figura umana. Più indicato per alcuni, usi, meno per altri. Il softbox tende a dare una luce un po’ più morbida rispetto all’ombrello riflettente a parità di dimensioni.

      Non c’è mai qualcosa di meglio o qualcosa di peggio … tutto dipende dal risultato che vuoi ottenere. Quindi se vuoi prendere un softbox, studiatelo bene per capire che luce fa rispetto ai tuoi ombrelli e vedrai che ci saranno delle differenze che potranno piacerti di più o di meno a seconda di quello che vuoi.

      E sappi che un softbox succhia un bel po’ di potenza del tuo flash quindi in alcuni casi ti troverai ad usarli a piena potenza sforzandoli un po’ 😉

      Buona luce !!!

  6. Michele 8 ottobre 2012 at 15:02

    Tutto chiarissimo!!!
    Grazie mille!
    Sei stato gentilissimo!!!

    • Neoz 8 ottobre 2012 at 15:07

      😉 …

  7. Agostino 7 novembre 2012 at 19:53

    Ciao Paolo, sai dirmi per cortesia se è possibile utilizzarlo con
    l’ ST-E2 di Canon?
    Lo utilizzerei per illuminare lo sfondo, quindi basta che scatti insieme agli altri 2 flash…
    GRAZIE

    • Neoz 8 novembre 2012 at 01:16

      Ciao ! No non funzionano con il comando Canon ST-E2. Per quello occorre utilizzare i flash Canon dedicati come 580 EX II e 430 EX II.
      Con i flash manuali devi usare i trigger manuali oppure usare la modalità S1 che vede gli altri flash e scatta sincronizzato.
      Occhio però che se usi gli altri flash in modalità ETTL e non manuale dovrai usare la modalità S2 del YN 560 e non sempre funziona a meraviglia.

      Meglio non mischiare flash in automatico ETTL con flash manuali, i risultati non sono sempre affidabilissimi.

      Ciao !

      • Agostino 8 novembre 2012 at 10:20

        Grazie, sei stato gentilissimo e complimenti ancora per tutto l’ ottimo lavoro che svolgi.
        Saluti

  8. Michele 12 novembre 2012 at 11:29

    Ciao Paolo,
    ho finalmente avuto modo di “spremere” il Flash come si deve, e devo dire che sono rimasto davvero stupito dalla sua efficacia!
    Ottimi i materiali, il display chiaro e retroilluminato, bello “massiccio”!
    Non mi sembra di aver notato diversa temperatura tra uno scatto e l’altro!
    Ho anche un Canon 580exii, a volte il yb560 ricarica più velocemente!
    Comunque indiscutibile spesa, allo stesso prezzo non si trova nulla!
    Qualità/prezzo voto 10!
    Ti ringrazio ancora per il consiglio.
    Sabato spero di non mancare al tuo Workshop.
    Ciao
    Mic

    • Neoz 12 novembre 2012 at 11:40

      Sono contento di questo tuo feedback 🙂
      E sono convinto anche io che la Yongnuo faccia ottimi prodotti ad un prezzo realmente competitivo.
      Speriamo che continui così.

      Ci vediamo sabato allora, dopo il workshop fatti riconoscere mi raccomando 😉

  9. Vincenzo 5 dicembre 2012 at 18:18

    Puoi dare qualche info utile sull’utilizzo della modalità multi? Qualche notizia sulle indicazioni a display, tipo 1,3, … x Hz, cosa vogliono dire?
    Suppongo la prima il n° di scatti e gli Hz la frequenza degli stessi (posto 50 Hz = 1 sec.) ?
    Posizionato su “multi” non ottengo mai più di un lampo, (provato in M e tempi da un 1″ in su) come mai?
    Al riguardo il manuale è assolutamente carente.
    Grazie

    • Vincenzo 5 dicembre 2012 at 20:18

      errata corrige; per “n° scatti” è da intebdere n° lampi.
      Scusa ma non so come correggere altrimenti il messaggio.

    • Neoz 6 dicembre 2012 at 01:12

      Ciao Vincenzo.
      Come dici tu la prima cifra è proprio il numero di lampi da emettere e la seconda (gli Hz è la frequenza con cui i lampi verranno emessi). Quando scatto a me vengono emessi tutti i lampi impostati, a meno che, ovviamente il tempo di scatto da te impostato non sia troppo breve per completare la sequenza.
      Non sono un genio in matematica/fisica, ma ho notato che in un secondo di esposizione ci stanno 5 lampi da 5Hz, 6 lampi da 6Hz e così via.
      Ti allego qui sotto una foto scattata ad un secondo di esposizione con il flash in remoto comandato da un trigger e impostato in modalità multi con 8 lampi a 8Hz … come puoi vedere tu stesso vedi tutti i lampi (8) che sono stati emessi (spostavo il flash durante lo scatto per far vedere ogni lampo che crea un nuovo spot di luce).

      8 lampi

      Ovviamente lo scopo della modalità MULTI è quello di creare immagini in sequenza di un movimento, riprese nel medesimo fotogramma. I migliori risultati si ottengono in luoghi bui e con tempi di esposizione che permettono il corretto numero di lampi per “descrivere” correttamente un movimento.
      Fai qualche prova e fammi sapere ! Buona luce !!!

      • Vincenzo 6 dicembre 2012 at 11:34

        Grazie della puntuale e precisa risposta.
        In effetti il mancato funzionamento in modalità “multi” dipendeva dal fatto, che il flash, seppure preso per Canon l’ho provato su Olympus, E-410 ed E-3 dove ho riscontrato che in modalità M, S1 ed S2 (sia macchina che flash) il tutto funziona a dovere e addirittura meglio (ricarica più veloce) del mio FL50 (Olympus) in modalità raffica, sia H che L.
        Applicato alla Canon 7D tutto OK, in fondo è venduto per Canon/Nikon ed evidentemente nella modalità “multi” corpo Olympus e flash Yongnuo non dialogano bene.
        Saluti cordialissimi,
        Vincenzo

        • Neoz 6 dicembre 2012 at 12:14

          Appare strana questa cosa, ma non possiamo che prenderne atto 😉
          Buona multi luce 🙂
          Neoz

  10. Alessandro 18 gennaio 2013 at 14:55

    Ciao Paolo, ho una 6d e vorrei acquistare un flash da portare in viaggio e acquistare cactus v5, stativi &co per iniziare ad imparare qualche cosa sulla “strobist”.
    Ho dato un’occhiata al flash YONGNUO YN-560 II da te recensito, il prezzo è circa 90€ cad. e allo stesso prezzo del canon 430 ex II ne prenderei 2.
    Potrei tranquillamente usarlo come flash in camera per reportage? Che mi consigli? Cosa ci guadagno e cosa ci perdo?
    Se prendessi il 430 e un 560II come mi troverei?
    Grazie mille Alessandro

    • Neoz 18 gennaio 2013 at 16:20

      Ciao !
      560 II è un flash completamente manuale. Quindi la luce la DEVI dosare tu perchè il flash non dialoga con la macchina e se ne frega delle sue impostazioni 😉
      Tipicamente si lavora in manuale con la macchina quando si ha un flash manuale.

      Parlando di 430 canon invece si parla di un flash ETTL quindi automatico che può, volendo, lavorare anche in manuale.
      Se vuoi mischiare un flash manuale con uno automatico dovrai usarli entrambi in manuale o rischi di non capirci nulla.

      Devi capire tu che cosa hai bisogno e se hai le conoscenze per usare la modalità manuale (o se preferisci gli automatismi) 😉

      Se non le hai ci sono sempre i corsi di Neoz 😉 Io parlo della modalità manuale.

      Ciao ciao

  11. Fulvio 18 gennaio 2013 at 22:51

    Ciao Paolo, sarei orientano all’acquisto del modello YN-560II (c’è anche un modello YN-560II, quali sono le differenze rispetto al II, forse il TTL?), ma ho diversi dubbi che spero potrai togliermi. Non ho capito se vi siano varianti del sopracitato flash per fotocamere nikon, per fotocamere canon o per altre marche di fotocamere, come fa metz se non sbaglio . Per usare tale flash con le mie fotocamere, lumix FZ50 e olympus E-PL1, dovrei usarlo completamente in manuale o la macchina riesce a trasmettere quella serie di automatismi che semplificano la vita ad un principiante? Se non sbaglio è il sistema TTL, non vorrei dire fesserie. Se si potesse usare solo in manuale, mi andrei a complicare la vita o il flash mi aiuterebbe? Se non ricordo male, ai tempi della pellicola, c’era una divisione da fare, NG/distanza e si otteneva l’apertura da impostare. E poi, ho letto essere un flash slave, quale sarebbe la differenza rispetto al master, mi precluderei quale strada? Per il momento non vorrei tediarti troppo. Ti ringrazio per la tua disponibilità.

  12. Alessandro 3 marzo 2013 at 14:16

    Ciao Paolo non posso fare altro che complimentarmi per il tuo”video-tutorial” chiaro e preciso. Tutto quello che desideravo sapere me l’hai già detto quindi ti scrivo solo per ringraziarti e quando mi arriverà ti farò sapere come mi son trovato… Ho trovato l’ultimo su Amazon a 70 euro…
    Saluti Alessandro

  13. Mceccarelli79 12 marzo 2013 at 01:22

    Ciao Paolo,
    Il flash lo userei molto in discoteca, mi piacerebbe fare delle foto con le classiche scie luminose…
    Ma siccome questo flash non ha la modalità “rear” secondo te potrei riuscirci lo stesso?
    Grazie e complimenti!!!

    • Neoz 12 marzo 2013 at 09:25

      Si ci riesci, bastano tempi lenti e muovi la macchina o zoomi dopo il click. No problem, lo faccio anche io.

      Ciao !

  14. Luca 13 marzo 2013 at 12:38

    Ciao Paolo volevo chiederti un consiglio..
    Volendo scattare anche in pieno giorno con forte luce \ con tempi rapidi di granlunga oltre il sincro flash di 1/250 (320) di sec come potrei fare ad avere la scena correttamente esposta?

    Mi tocca andare sui dei flash con funzioni sincro fp o è possibile usare anche questi 560II in qualche modo?
    Sai per caso qual’è la durata del lampo a tutta potenza?
    Vorrei poterli usare anche ad 1/2000 sec.

    Spero sia possibile..
    La spesa tra trigger ttl e più flash per compensare la minore potenza utilizzando la funzione fp infatti è notevole.

    • Neoz 13 marzo 2013 at 12:53

      Ciao !
      Purtroppo non c’è modo con le nostre reflex e i flash manuali portatili di utilizzare tempi oltre il syncro x. E’ un vincolo fisico invalicabile.

      L’unico sistema per fare quello che dici, senza fp o hss che dir si voglia, è usare un flash manuale professionale MOLTO potente (una monotorcia con battery pack), in modo da poter eguagliare o addirittura superare la quantità di luce di uno sfondo illuminato dal sole anche dovendo usare massimo 1/250 sec.

      L’altro “trucco” potrebbe essere quello di usare 3 o più flash cobra assieme, come ho fatto alcune volte per provare ad eguagliare la luce ambiente in pieno sole. Sistema un po’ scomodo e macchinoso che non sempre da i risultati sperati. Ma quando hai 10 flash a slitta come me le puoi provare tutte 😉

      Ciao ciao !

      P.S.
      La durata del lampo a tutta potenza di un flash a slitta di questo tipo è di 1/200 sec, il che rende ancora più impossibile qualsiasi idea di sincronizzazione a tempi veloci 😉
      Non lo potresti fare nemmeno con una medio formato con otturatore centrale 🙂

  15. Luca 13 marzo 2013 at 13:35

    Neoz grazie della risposta!

    Ma ipotizzando di usare un monotorcia con batterypak diciamo da 600w (o dev’essere almeno da 1000 ?) per stare entro 1/250 dovresti necessariamente chiudere parecchio l’apertura.
    O c’è qualcosa che mi sfugge?

    Come dicevi inoltre utilizzando più flash manuali a tutta potenza e considerando il lampo da 1/200 comunque basterebbe appunto usarne un numero superiore per replicare empiricamente un ng più alto su tempi ad es di 1/4000 di sec giusto?
    O verrebbero comunque le tendine visibili sull’immagine?

    Credo in ogni caso che usando la funzione fp la potenza calerebbe ugualmente di molto e di conseguenza ci vorrebbero x flash in parallelo per avere un’illuminazione sufficiente.

    • Neoz 13 marzo 2013 at 23:50

      Prima domanda : certo … e chiudendo il diaframma compenseresti la forte luminosità posteriore del “pieno sole” avendo il controllo necessario ad esporlo come preferisci. Il tempo rimane sempre massimo 1/250 o il tempo syncro della reflex. Su quello non puoi fare nulla.

      Seconda domanda : no, non funziona così. Ti manca qualche base sulla fotografia flash 😉

      Studiati come funziona l’otturatore di una reflex in sincronia con il lampo flash e poi tutto ti sarà più chiaro. 🙂

      Un salutone !

      • Luca 14 marzo 2013 at 00:51

        Grazie ancora Neoz per la disponibilità!

        In effetti il lato negativo del lavorare soltanto con flash ttl è che, anche se usati in manuale, alcune possibilità o non sono consentite ed oltre il tempo di sincro o non vanno, o vanno ma in fp e questo non aiuta a capire certi punti base.

        Tornando in tema quello che mi preme sapere volendo usare come fonte di illuminazione principale i 560 manuali (con i trigger 603) è come potrei fare a catturare un’azione che richiede tempi rapidi, anche in piena luce?

        Coi tempo syncro normali rischio facilmente il mosso.

        L’alternativa è per forza usare più flash Ttl che supportano l’fp ? 🙁

        • Neoz 14 marzo 2013 at 11:43

          Purtroppo i limiti sono quelli e non sono valicabili.
          Solitamente non si usa il flash in piena luce e con soggetti in movimento, ma se lo devi proprio usare l’unica possibilità plausibile è usare HSS o FP e sopportare la diminuzione di potenza che la funzione comporta.
          In effetti sono pochi i fotografi di azione che usano i flash all’aperto di giorno.

          Ciao ciao

  16. Luca 13 marzo 2013 at 22:09

    Ho apprezzato molto il tuo commento prima, ma non capisco perché i miei ultimi due interventi siano entrambi spariti nel nulla..

    Comunque grazie della tua prima risposta

    • Neoz 13 marzo 2013 at 23:51

      No, non è sparito nulla, ma tutti i commenti sono sottoposti alla mia moderazione e se sono via dal computer non sono visibili fino a che non passo sul sito per accettarli 😉

    • Luca 14 marzo 2013 at 12:42

      Hai ragione non è molto comune ma può essere molto utile ad avere effetti particolari.

      Lasciando stare magari i casi in cui si scatta a soggetti in pieno giorno con la necessità di grandi aperture (per questo al limite ci sono gli nd, anche se la mia esperienza non è stata sempre positiva) penso a tutte le scene di sport (e non solo) dove si vuole scattare a soggetti in forte controluce in ed rapido movimento (es durante un salto).
      Come mi confermi però quì è indispensabile avere HSS/fp.. 🙁

      Per terminare il mio pensiero comunque consideravo che nel caso si usino aperture molto chiuse o filtri nd per far entrare meno luce si ridurrebbe comunque anche la potenza “in entrata” del flash, credo più o meno come avviene scattando oltre i tempi sincro in Fp.
      Inoltre si avrebbero possibili problematiche di diffrazione o riflessi/perdita di contrasto (mi è successo l’estate scorsa con un nd8 Hoya pro1 usato neanche in pieno controluce).

      Ma l’Fp non funziona a grandi linee come una luce strobo molto rapida?

      Forse si potrebbe anche replicare sui flash manuali che lo consentono!

      Ok, mi fermo quì. Grazie mille ancora e buona giornata! 🙂

      • Neoz 15 marzo 2013 at 16:51

        Si l’hss funziona sparando rapide sequenze di flash in successione e diminuendo quindi drasticamente la potenza. E non puoi replicare la cosa in nessun altro modo se non usando un flash TTL con tale funzione 😉

        Per il resto un ND toglie luce di qualsiasi tipo, ambiente e flash. Con flash in esterna col sole l’ND si usa solamente per poter sottoesporre la luce ambiente e dare una mega potenza di flash per illuminare il soggetto superando anche gli stop tolti dal filtro. Ma per ste cose ci vogliono flash potenti davvero. E non cambia la problematica del tempo di scatto che è comunque vincolato al syncro.

        Diffrazione e perdita di contrasto ci sono e io ne vado matto, ma questo non c’entra nulla ^_^ Ecco dove ho usato ND (senza flash) :
        http://www.neoz.it/#/03_People/Fashion/_46Q5193-Modifica.jpg
        http://www.neoz.it/#/03_People/Portraits/_46Q5127-Modifica.jpg

        Per il resto io non faccio sport nemmeno se mi minacciano 😉 Quindi non ho una soluzione da presentarti per quello che dici.
        Fai qualche prova e vedi cosa ottieni con i flash manuali. Se la luce ambiente produce un mosso a 1/250 sec, non so come si possa risolvere se non con HSS.

        Ciao ciao !

        • Luca 16 marzo 2013 at 12:38

          Si, non fraintendermi so come si usa un Nd e mi riferivo al fatto di usarlo nei ritratti dove si vuole sottoesporre l’intera scena, ovviamente il tempo sincro rimane lo stesso! 😉
          per quanto riguarda l’effetto del filtro anche a me in certe circostanze piace, ma non sempre.
          Inoltre le tue (bellissime) foto non hanno un effetto così marcato come è accaduto alle mie anche questo dipende sempre da dove e come si scatta, mi è accaduto ad agosto in una giornata con un sole fortissimo.

          Comunque quando avrò modo di acquistare un flash manuale ( e probabilmente se così sarà il 560II 🙂 ) farò un pò di prove con la modalità strobo, se consentisse veramente uno scatto ad altissima frequenza (esempio 30scatti a 100Hrz) si potrebbe magari ottenere un effetto simile, chissà.

  17. Luca 13 marzo 2013 at 22:11

    Ps. Se deciderò per dei flash manuali prendo al 90% i 560II

  18. Luigi 30 marzo 2013 at 15:59

    Ciao, una domanda: se scatto in remoto con due trigger e il 430ex II canon, questo flash scatta insieme al canon? ha qualche fotocellula?

    Grazie

    • Neoz 1 aprile 2013 at 20:34

      Si ha la fotocellula e la modalità slave manuale.
      Ciao ciao

  19. ROBERTO 21 aprile 2013 at 17:20

    CIAO PAOLO,PER LA FUJI S100FS VA BENE QUESTO FLASH?

    • Neoz 21 aprile 2013 at 21:18

      Ciao a te.
      Essendo un flash manuale dovrebbe andare bene per ogni macchina dotata di slitta a contatto caldo, ma ovviamente non conoscendo la Fuji in oggetto non posso garantirti nulla 😉

      Ciao !

  20. ROBERTO 22 aprile 2013 at 02:26

    GRAZIE MILLE PER LA DISPONIBILITA’!.ESSENDO POCO POCO PRATICO PER QUANTO RIGUARDA L’USO DI FLASH ESTERNI, HO CHIESTO ALLA FUJI CHIARIMENTI X LA MACCHINA IN QUESTIONE,LA LORO RISPOSTA è QUESTA “può montare flash a slitta (sul contatto caldo) E utilizzarli in manuale o automatico ma non in TTL.
    Può usare sia flash Fujifilm che di terze parti, l’importante è non utilizzare flash vecchi che potrebbero avere un voltaggio tale da danneggiare la fotocamera.”SECONDO TE QUESTO FLASH E’ QUELLO PIù IDONEO PER LA MIA MACCHINA? INOLTRE VOLEVO SAPERE SE C’ERA UN MODELLO DI QUESTA AZIENDA PER FAR FUNZIONA IL FLASH IN AUTOMATICO.COMPLIMENTI X IL SITO E GRAZIE MILLE PER IL TUO SUPPORTO 😀

    • Neoz 22 aprile 2013 at 20:52

      Credo che i flash Yongnuo tu li possa usare solo in manuale 🙂
      Per utilizzare flash TTL con Fuji devi prendere le unità di Fuji. Non credo che i produttori di terze parti supportino Fuji.

      Ciao ciao !

  21. Armando 8 ottobre 2013 at 13:01

    Ciao Paolo, prima di porti la mia domanda, voglio farti i compimenti sia per il blog che per i video, ottime spiegazioni e molto chiare!
    Dopo aver visto i video dove presentavi il flash yongnuo 560 II ho deciso ieri di acquistarlo, e volevo chiederti, dato che non mi è chiara una cosa, è possibile farlo funzionare a distanza senza l’uso di trigger, anche solo in slave con la reflex ed il flash in questione?
    E’ possibile anche utilizzarlo in abbinato magari con il 320ex che possiedo da master ed il 560 II che scatta in secondario con il lampo del primo?
    Io possiedo una canon eos 7d.

    Dato che mi sto avvicinando alla fotografia still life ho ritenuto questo flash ottimo senza spendere troppi soldi rispetto ad un canon.

    Ti ringrazio anticipatamente per la risposta!

    • Neoz 8 ottobre 2013 at 14:06

      Ciao e grazie per i complimenti.
      Se tutti i flash funzionano in modalità manuale è possibile.
      Ovvero se il primo flash in macchina è settato in manuale, puoi usare il 560 II in modalità slave ottico che lo fa rispondere al primo flash.
      Se il primo flash è in TTL (modalità automatica) le cose si complicano perchè il 560 è manuale e non funziona pilotato da altri flash master TTL.
      Quindi andrebbe usata la modalità S2 (slave con eliminazione dei prelampi) ma la cosa a me non piace per niente perchè non è affidabile.
      Soluzione : per lavorare in manuale prendi due trigger manuali come i Cactus V5 e sei a posto. 😉

  22. Armando 8 ottobre 2013 at 17:06

    Si in effetti volevo utilizzare il 560 II in modalità slave ottico che, come hai ben detto tu lo fa rispondere al primo flash. Dato che mi hai parlato di “flash in macchina” per il primo, quest’ultimo deve quindi essere attaccato alla reflex giusto? non posso utilizzarlo magari su uno stativo anche se in manuale?

    Certo o trigger sono una soluzione più rapida e semplice ma almeno per il momento vorrei provare così almeno per fare più pratica possibile per poi, più avanti prendere i cactus v5 o qualcosa di simile.

    Ti ringrazio per la disponibilità!

    • Neoz 10 ottobre 2013 at 11:22

      Se il primo flash è sganciato dalla macchina per controllarlo hai comunque bisogno del flashetto integrato della 7D e succede casino con i prelampi.
      Io ti consiglio due trigger anche economici da subito ed eviti di impazzire 😉
      Salutoni !

  23. Armando 10 ottobre 2013 at 12:21

    Ok! Adesso mi è piuù chiara la cosa, non avevo tenuto in considerazione il pop-up del flashetto che doveva essere per forza aperto….
    Vada per i trigger allora….

    Grazie per l’aiuto, un saluto!

    • Neoz 14 ottobre 2013 at 10:56

      😉

  24. stefano 13 novembre 2013 at 22:18

    ciao avrei intenzione di affiancare il 560 II ai miei 430 EXII e 580EXII da utilizzare ovviamente in moralità strobist, utilizzo i frigger Pixel King che trovo particolarmente funzionali soprattutto per la possibilità di modificare le impostazioni dei flash direttamente dalla 5DMII, volevo chiedere se secondo te anche con il 560 II sia possibile impostare potenza e parabola direttamente dalla fotocamera come faccio ora con i 2flash canon.
    ti ringrazio anticipatamente per l’attenzione accordata.
    P.S. a quando u tuo Work shop a Roma e/o dintorni??
    Ciao

    • Neoz 14 novembre 2013 at 14:39

      Ciao ! No il 560 II è un flash manuale e la potenza può essere regolata solo dal flash 😉
      Per fare quello che vuoi ti ci vuole un 568 EX della Yongnuo.

      A Roma al momento nulla, ma spero davvero di tornare a brevissimo !!!

      Un saluto !

  25. Jacopo Angelucci 25 dicembre 2013 at 10:55

    Ciao Paolo,
    prima di tutto ti faccio i mie complimenti perchè riesci a togliere molti dubbi con parole molto semplici ed efficaci.
    Visto che hai utilizzato questo flash, ti volevo chiedere un chiarimento:
    ho acquistato questo Yongnuo 560 II e funziona perfettamente (monta su una canon 1100D).
    Purtroppo ho notato che in condizioni di scarsa luce (tipo discoteche) la macchinetta non riesce a mettere a fuoco perchè il flash non emette nessun pre-flash e tanto meno non vedo nessuna griglia rossa sul soggetto (scusami ma non so come si chiama precisamente). Ora la mia domanda è: è normale visto che è un flash totalmente manuale o magari mi è arrivato difettoso?
    Grazie mille aspetto tue notizie!!!

    • Neoz 25 dicembre 2013 at 12:07

      Normale Jacopo, è il normale comportamento di un flash completamente manuale 😉
      Prelampi e luce di assistenza sono caratteristiche proprie dei flash dedicati TTL.

      Un salutone e grazie per i complimenti !
      Buon Natale !

  26. Nicola 27 gennaio 2014 at 16:36

    Ciao,
    complimenti per il blog. Ho appena compraro il YN560-II e non riesco a farlo scattare in sincro con la eos 600d, sia che imposti, dalla macchina, il master in manuale con S1, sia in TTL con S2. Cosa potrei fare?

    • Neoz 27 gennaio 2014 at 17:54

      La cosa migliore è comprarsi due trigger manuali, anche da poco.
      In TTL non puoi fare assolutamente nulla con il 560 II, è un flash manuale 😉
      Per triggerarlo correttamente devi impostare il flash integrato in modalità MANUALE.

      La cosa che consiglio sempre è però di comprarsi una coppia di trigger manuali anche da poco perchè sono molto più affidabili del lampo del flash integrato e puoi anche non usare il medesimo, che spesso non ti serve.

      Un saluto !

      • nicola 27 gennaio 2014 at 18:17

        Grazie per la risposta. Ok per i trigger però dovrebbe funzionare comunque con il pop up della macchina no? In verità un paio di volte ha funzionato ma non riesco a replicare il settaggio. Inoltre l’ho provato sia da solo che accoppiato con il 430 EX della Canon. Nel caso, dovrei prendere tre trigger?

        • Neoz 28 gennaio 2014 at 17:19

          L’unico modo per farlo scattare con il popup è impostare il popup completamente manuale e lo yongnuo in S1 e fare in modo che i flash siano vicini (massimo qualche metro) e che si vedano, se ci sono ostacoli la luce non viene vista dal sensore. Molto poco affidabile in esterni.
          La cosa più affidabile è sempre avere un trigger per ogni flash da comandare.
          Poi ti dico … io in studio o interni spesso uso un trigger sul primo flash e gli altri li metto in modalità S1 e tutto funziona. All’esterno no, quindi sempre un trigger per ogni flash.
          Ciao ciao !

          • Nicola 3 febbraio 2014 at 11:20

            Grazie mille per le risposte. Questo week end ho fatto un po di prove e sostanzialmente ho capito che il 560 deve stare molto molto vicino al flash della macchina (meno di un metro) per funzionare quindi a questo punto mi oriento sui trigger. Puoi consigliarmi un prodotto economico ma efficace? Grazie per la tua disponibilità.

          • Neoz 3 febbraio 2014 at 22:30

            Quelli che uso sempre io ai corsi e che non perdono mai un colpo sono i CACTUS V5 che trovi dal mio fornitore Sarti Fotografia.
            Ciao ciao !

  27. giuseppe 25 febbraio 2014 at 00:28

    ho aquistato un yn560-II non riesco a farlo funzionare sulla mia canon 550d, mi puoi aiutare grazie

    • Neoz 25 febbraio 2014 at 16:22

      Domanda molto generica 🙂 Che cosa succede ? Non flasha ?
      Letto il manuale ?

      Ciao !

  28. Diego Fernando Pischetola 30 maggio 2014 at 15:33

    Ciao Paolo!….grazie del tutoria…ora lo ho già nella mia attrezzatura questo fantastico FLASH 😀 volevo chiederti una cosa però…. nel video TU dici che c’è il segnale per le batterie (il residuo delle batterie) io non lo riesco a trovare nel display del mio YN 560 II……c’è un modo per farlo comparire? 😀 Grazie 😀

    • Neoz 30 maggio 2014 at 16:08

      Appare quando le batterie sono scariche.
      Ciao ciao !

      • Diego Fernando Pischetola 31 maggio 2014 at 11:19

        …un’altra cosa ho trovato strano in questo flash….beh sinceramente è il mio secondo flash….volevo chiederti: perchè se abbasso lo sportellino per dire al flash che voglio il raggio + ampio che il flash mi permette…non me lo cambia in automatico???….per esempio se sto a zoom 70mm e abbasso “lo sportellino” il flash non mi va in automatico su 14 o 24mm????? 😀 Grazie ancora delle lucidazioni 😀

        • Neoz 1 giugno 2014 at 10:21

          Perché hai comprato un flash manuale e devi fare tutto in manuale 😉
          Ciao !!!

  29. paolo pagani 19 giugno 2015 at 12:09

    ciao volevo sapere se conosci la velocità del lampo, può congelare oggetti in movimento ? grazie Paolo

    • Neoz 19 giugno 2015 at 12:25

      Ciao !
      La velocità del lampo di queste unità portatili è solitamente compresa tra 1/300 di secondo (alla massima potenza del flash) e 1/20.000 di secondo (alla minima).
      Il lampo del flash può sicuramente (e lo fa) congelare i movimenti, specie quando molto rapido, a patto che sia però l’unica fonte di illuminazione o che sia quella nettamente preponderante sul soggetto.

      Altrimenti, in presenza di luce ambiente mista a quella flash, si ottengono spesso effetti di alone attorno al soggetto, generati dalla compresenza della luce ambiente che, a differenza di quella flash, non congela il movimento se il tempo di scatto della fotocamera non è rapidissimo (e con i flash manuali non lo è perchè il limite massimo è il tempo syncro della fotocamera, compreso tra 1/180 e 1/250 di secondo nelle reflex più diffuse).

      Ciao ciao !

  30. paolo pagani 19 giugno 2015 at 15:37

    grazie Neoz, per unica fonte intendi anche che volendone utilizzare 2 flash o più dello stesso tipo potrebbero creare dei ritardi nella sincronizzazione tra di loro?
    l’esigenza è quella di creare uno sfondo bianco con un soggetto in controluce che si muove velocemente , per farlo occorrono almeno 2 flash…

    grazie per la tua risposta

    • Neoz 21 giugno 2015 at 16:42

      No solitamente con più di un flash non ci sono problemi. In ogni caso per applicazioni dove è necessario congelare bene il soggetto è sempre meglio non usare i flash a piena potenza, essendo in questo caso meno rapidi di quando vengono utilizzati a potenze inferiori. 🙂
      Ciao ciao

Comments are closed.