Yognuo Flash Recensione e Comparativa – YN 560 – YN 560 II – YN 565 EX

Come forse saprete sono un assiduo utilizzatore dei flash speedlite Yongnuo. Li trovo affidabili, economici, abbastanza potenti, stabili e portatilissimi.

Ho voluto fare questa recensione in stile “comparativa” per completare le passate preview e per parlarvi più in dettaglio della loro resa sul campo e delle performance durante un utilizzo specificamente “strobista”, ovvero in completa manualità e staccati dalla fotocamera; attivati con il controllo remoto utilizzando due differenti tipologie di trigger.

Continuate a leggere per l’articolo completo !

Le considerazioni che seguono sono il frutto di diverse prove sul campo tra cui spiccano due recenti workshop che ho tenuto a Milano e Torino, svolti con l’uso esclusivo dei flash Yongnuo (in abbinamento ad un Canon 580 EX II). Come sapete, sul mio blog non si trovano recensioni ipertecniche perchè prediligo la sostanza ai dati numerici, con i quali non si fanno fotografie ma “mental pipping” (perdonate il termine politically incorrect) ^_^

Nel complesso i flash hanno tutti lavorato parecchio con un monte scatti che supera sicuramente i 500 e posso quindi parlare con cognizione di causa con un occhio anche all’affidabilità (anche se ci vorrebbe qualche mese di test per avere un riscontro preciso in tal senso). Sono comunque stati sottoposti ad un uso intensivo, con frequenti monta e rimonta sugli stativi, frequentissimi cambi di potenza e scambi di modificatori di luce.

Le batterie utilizzate sono sempre state le ANSMANN Digital da 2850 MAh (le mie preferite), con le quali i flash in oggetto dimostrano di trovarsi parecchio a proprio agio, permettendo di scattare parecchie centinaia di lampi (non a piena potenza). Non ho potuto effettuare una prova di durata “scientifica”, ma vi assicuro che ad un workshop con 10 persone si scattano tante foto e le batterie sono durate veramente moltissimo con tempi di ricarica sempre ottimi.

Buono quindi il consumo delle tre unità flash che si dimostrano rapide nella ricarica (3 secondi circa ogni flash per la piena potenza). Da 1/4 di potenza verso il basso la ricarica è rapidissima permettendo sequenze piuttosto rapide di scatto (non pensate alla raffica da 10 fps, ma ad un normale frame rate tipico da fotografia di persone).

I trigger utilizzati sono stati i CACTUS V5 e i Pocket Wizard Plus di qualche anno fa. In entrambe i casi l’affidabilità dello scatto è notevolissima. Non ho perso un solo colpo in tutto il periodo del test, nei lavori personali e nei due workshop svolti.

Per l’utiizzo in manuale l’unità più comoda da utilizzare è sicuramente YN 560 II, con il suo display retroilluminabile ampio e chiaro da leggere e con i suoi comandi diretti per regolare la modalità (Manuale, S1) e la potenza. Facilissimo anche regolare lo zoom leggendo il valore con una dicitura numerica ampia e ben leggibile.

YN 560 non ha display LCD e ci si deve affidare ai led luminosi, meno chiari ed immediati perchè manca una scala che indica la potenza utilizzata. Dobbiamo ricordarci a quanto corrispondono le varie tacche o “ripassare” ogni volta partendo da piena potenza. Fattibilissimo, ma meno rapido.

YN 565 EX ha un ottimo display, ispirato direttamente al Canon 580 EX II, ma come quest’ultimo è meno rapido per l’utilizzo in manualità, essendo un flash ETTL. Ci si arriva, ma regolare le modalità manual, slave e la potenza non è così rapido come YN 560 II.

I flash sono stati utilizzati sempre in manuale e con diversi tipi di modificatori. Ombrelli traslucidi, riflettenti, softbox, snoot, griglie honeycomb, beautydish … e con tutti i modificatori si sono comportati bene. Anche montati sull’adattatore per 3 flash (è un acquisto recente, siete curiosi ? 😉 ) hanno funzionato a dovere: uno in modalità manuale con trigger collegato e gli altri due in modalità slave (S1), modalità con la quale il flash scatta quando “vede” un’altro lampo flash.

Le fotocellule dei flash (quando usati in modalità slave) si sono comportate molto bene in studio e location al chiuso e con qualche piccolo problema in più in esterni, ma si sa, in esterni è meglio avere più unità trigger per poter ottenere la massima affidabilità di scatto. In ogni caso a brevi distanze, anche la luce diurna non è stata un problema enorme.

Per gli amanti delle prove un po’ più “scientifiche” ho condotto anche un test di potenza e costanza di emissione che vi descrivo subito.

Usando un esposimetro esterno GOSSEN ho misurato i lampi a piena potenza delle tre unità e di una quarta unità speedlite Canon 580 EX II. Ho effettuato dieci misurazioni successive alla medesima distanza con i flash su stativo e triggerati via radio. Massima estensione della parabola zoom per ognuno dei flash (pari a 105mm). Misurazione a 100 ISO impostati su esposimetro.

Ecco i risultati in valori f misurati dall’esposimetro nelle 10 prove successive.

N      YN560        YN560-II       YN565EX      CANON580EX-II

1      16,1             22,0               16,8                16,8
2      16,1             22,0               16,7                22,0
3      16,1             22,0               16,7                16,9
4      16,1             16,9               16,8                16,9
5      16,1             22,0               16,7                22,0
6      16,2             22,0               16,8                16,6
7      16,0             16,9               16,7                16,6
8      16,2             22,0               16,7                22,0
9      16,1             16,9               16,7                16,8
10    16,2             22,0               16,7                16,7

Come potete notare il flash più stabile e potente è risultato il modello YN 560 II con un valore massimo di f/22.0 ottenuto in 7 lampi ed uno scarto di un solo decimo di stop lungo tutta la sequenza di 10 lampi.
Uguale la potenza massima raggiunta dal Canon, ma con maggiore instabilità di 4 decimi di stop lungo le 10 misurazioni.
Molto stabile, ma un pelo meno potente il 565 EX che si ferma ad un massimo di f/16,8 con uno scarto di un solo decimo.
Meno potente di tutte è risultata l’unità YN 560 con un picco massimo di f/16,2 ed uno scarto di 2 decimi di stop.
Sono comunque valori discreti anche se la differenza di quasi uno stop  tra il modello 560 ed il suo successore 560 versione II sono abbastanza consistenti.

Similari i tempi di ricarica a massima potenza che si attestano sui tre secondi per ciascuno dei flash (i decimi non riesco a misurarli, mi perdonerete se non possiedo strumenti di controllo sofisticati 😉 ).

Uno dei difetti principali di questi Yongnuo è la parabola troppo “mobile”, nel senso che facilmente, quando montate un modificatore che si aggancia direttamente sulla parabola, vedrete la stessa muoversi a seconda del peso del modificatore e dell’inclinazione del flash. Nessun problema per un uso “consueto” su stativo e in piano, ma qualche problema in più per gli utilizzi “hardcore” a cui personalmente sottopongo spesso queste piccole unità.

La resa del lampo è buona, nessun problema con la temperatura di colore se non dovete fotografare colori Pantone per la Pantone 😉 Anche mischiati con flash monotorcia professionali non danno alcun problema e la loro presenza non turba in alcun modo l’essenza artistica del vostro io profondo (non so cosa ho scritto ma mi piaceva).

In definitiva il mio giudizio non può che essere positivo. Se non vi servono automatismi troverete sicuramente in YN 560 II il modello migliore per l’uso in manuale. Rapido nelle impostazioni, chiaro, semplice, potente quanto e più di un 580 EX II.
Se volete un flash ETTL con complete funzionalità manuali da usare negli eventi on camera e per ritratti off camera, il 565 EX è il vostro flash, con qualche limite rispetto ad un 580 EX di Canon, senza la sua tropicalizzazione, ma con funzioni di tutto rispetto ed analoga potenza.

Un ringraziamento particolare va al mio fornitore ufficiale sarti.fotografia per avermi fornito il modello 560 II che ho sottoposto a dura prova.

Un ringraziamento ai miei follower per la pazienza di leggermi fino a qui. Se l’articolo vi è piaciuto condividetelo sui social network ! Grazie e alla prossima !

2013-07-23T16:44:46+00:00 maggio 3rd, 2012|Prove e Recensioni|164 Comments

164 Comments

  1. Gianni 23 dicembre 2013 at 00:32

    Ciao, anzitutto complimenti per la tua professionalità e disponibilità. Sono da poco possessore di un flash Yongnuo YN565EX riguardo al quale vorrei chiederti suggerimenti in merito all’alimentazione: adesso sto utilizzando delle pile Duracell AA alkaline non ricaricabili ed è il secondo set che uso (il primo è durato non molto e appena inserite delle pile nuove mi compariva sempre l’avviso P.L di bassa carica, spegnendosi; al terzo tentativo di accensione è ripartito) ma mi viene il timore che non siano le più adatte. Mi indicheresti che tipo e marca di batterie devo utilizzare? Grazie.

    • Neoz 23 dicembre 2013 at 01:35

      Ciao e grazie per i complimenti!
      Solo e sempre pile ricaricabili. Sto usando le energizer 6x con buoni risultati quindi al momento non mi sento di consigliare di cercare in giro marche esotiche e costose 😉 ciao !!!!

      • Gianni 24 dicembre 2013 at 10:36

        Grazie mille, corro a cercarlo!!

  2. Riccardo 6 gennaio 2014 at 21:53

    Complimenti! Ho trovato molto interessante e ben fatta la tua recensione, la quale mi ha spinto a voler comprare lo YN 560 II, pero’ non ho ben capito se c’è solo un modello, oppure ce n’è uno per Canon ed uno per Nikon (la descrizione su amazon non è ben chiara..)
    Grazie!

    • Neoz 6 gennaio 2014 at 23:33

      Ciao !
      Per i flash solo manuali come questi c’è sempre soltanto un modello.
      CIAO CIAO

      • Riccardo 6 gennaio 2014 at 23:55

        GRAZIE MILLE! Buona serata!

  3. Michele 13 gennaio 2014 at 13:32

    Ciao Neoz, innanzitutto un sentito ringraziamento per la tua guida utile per avere informazioni che spesso sono difficili da reperire! Ti volevo chiedere se a tuo parere un flash come il 560ii può essermi utile nel caso il faccia foto in studio. Mi spiego: di solito in una situazione come lo studio, una volta presa la luce sulla modella in un punto, dal quale non si muove nemmeno più di tanto, credo che un flash come quello citato, anche se non ha funzione TTL, possa andare bene? Sbaglio? Da quanto capisco il TTL è utile in condizioni di cambio luce (locali ad esempio) dove avrei altrimenti da continuare a ambiare parametri tempo-esposizione-diaframmi. Con questo più semplice, una volta impostati, se la modella non si muove non dovrei aver problemi… Giusto? Ti ringrazio anticipatamente per il feed back.
    Michele

    • Neoz 13 gennaio 2014 at 15:09

      Ti basta come risposta il fatto che per tantissimi miei lavori professionali uso solamente flash manuali ? 😉
      Del resto i flash da studio non sono automatici 🙂
      Vai tranquillo.

      Ciao

  4. Michele 13 gennaio 2014 at 15:35

    Grazie mille… Allora per iniziare…inizio con questo! E poi di vedrà!
    Michele

  5. Michele 13 gennaio 2014 at 15:40

    Una cosa sola, perché forse prima non mi sono spirato in maniera chiara: io questo lo userei su un supporto per flash remoto con diffusore ombrellino e trigger wi fi…. Adatto a questo scopo o è debole? Grazie ancora.

    • Neoz 13 gennaio 2014 at 15:49

      Li uso così da anni 😉 Non è un flash da studio ma ci fai un sacco di cose 🙂 La maggior parte delle foto che vedi sul mio http://www.neoz.it sono realizzate con flash tipo quello.
      Ciao ciao !

  6. Dani 22 gennaio 2014 at 21:38

    Ciao Neoz!
    volevo chiedere se sai se, la canon 6D(che ho) può gestire due o più flash 560III(quelli col trigger) o invece ho bisogno obbligatoriamente dei trigger?
    Grazie per al pazienza…

    • Neoz 23 gennaio 2014 at 16:04

      No, sono flash manuali e quindi ti serve il trigger yongnuo manuale 😉
      Ciao ciao !

  7. Roberto 29 gennaio 2014 at 22:56

    Ciao Paolo, ho già comprato un Flash Younguo YN560 II e da quel momento ho deciso di far parte del mondo degli strobisti. ho comprato anche due trigger radio. mi sono visto un sacco di tutorial , compreso i tuoi, sull’uso dei flash sia in studio che in esterni. volevo chiederti un consiglio per quanto riguarda l’High speed sinc. Premettendo che ho capito che il flash scatta luci a intermittenza per fare in modo che la luce si imprima nel sensore in ogni intervallo dalla prima alla seconda tendina. ma esattamente che vantaggi porta nella composizione di una foto? Con l’High speed sinc posso utilizzare tempi più corti per avere un paesaggio, ad esempio, più sottoesposto rispetto al soggetto fotografato, senza modificare il diaframma?

    • Neoz 30 gennaio 2014 at 14:26

      Esatto è proprio quello il senso.
      Sincronizzare sui tempi più rapidi del tempo syncro della fotocamera (tipicamente 1/200 – 1/250 sec.) significa poter utilizzare il flash in presenza di luce più forte senza sovraesporre o comunque con l’effetto di poter sottoesporre maggiormente l’ambiente 😉
      La tipica condizione è il flash di riempimento usato per schiarire un soggetto in controluce.
      Comunque con il 560 II che è manuale non puoi usare HSS, funzione tipica dei flash automatici TTL.

      Ciao ciao

  8. roberto 30 gennaio 2014 at 14:31

    quindi mi consiglieresti di comprare un High sinc per questo tipo di foto che ti ho appena accennato?

    • Neoz 31 gennaio 2014 at 14:45

      Se fai una foto del genere ogni 6 mesi decisamente NO 😉
      Non buttare i soldi, quella funzione serve solo in particolarissime condizioni. Non è il caso di spendere minimo 200 euro per avere un flash TTL e usare HSS.
      Vedi cosa riesci a fare senza e poi al massimo valuti se ti salva la vita. Io HSS non l’ho mai usato in 22 anni di fotografia, tranne un paio di foto o tre ^_^
      Ciao ciao

  9. Roberto 2 febbraio 2014 at 21:32

    ciao paolo scusami di nuovo se ti tartasso di domande, ma ti volevo chiedere un consiglio. se io volessi sottoesporre maggiormente l’ambiente rispetto al soggetto, ma voglio un bokeh molto forte , quindi usare per esempio un diaframma a 4, naturalmente sempre usando un flash in remoto, non potrei farlo a meno che non fossi in interni oppure se c’è poca luce in esterni, giusto? tu conosci un metodo per poter scattare immagini con questi parametri?, chiaramente senza un flash in HSS.

    • Neoz 3 febbraio 2014 at 22:26

      L’unico metodo è un flash potente e un filtro ND, per distanziare maggiormente il livello di illuminazione flash rispetto alla luce ambiente. In alcune mie foto di matrimonio uso questo accorgimento per creare bokeh senza sovraesporre.
      Ciao ciao !
      😉

    • Neoz 3 febbraio 2014 at 22:26

      L’unico modo è quello di utilizzare un filtro ND ed un flash potente per distanziare maggiormente il livello di luce ambiente da quella flash. Non facile da usare con i flash portatili.
      Ciao ciao !

  10. Roberto 4 febbraio 2014 at 02:50

    Grazie mille Paolo.. I tuoi consigli sono sempre molto preziosi. Tanti cari saluti

  11. Roberto 11 marzo 2014 at 00:28

    Ciao Paolo ti volevo chiedere delle delucidazioni per quanto riguarda i Flash con funzione master. so che è uscito il nuovissimo Yonguo 568 EX II che a differenza del suo predecessore possiede anche la funzione master solo per canon ( spero esca quella per Nikon molto presto) e quindi la possibilità di controllare tre gruppi di flash off shoe. ho rivisto il tuo workshop su canon fotografica 11 e volevo ricevere conferma di quanto sto per dirti. nel tuo workshop utilizzi il flash integrato della 7D come flash master, comandando gli altri flash off-shoe. in questo workshop hai detto che puoi usare il flash master massimo da una distanza di 7 metri in esterno e di 10 metri in interno. essendo possesore di una nikon D3000 che non ha le funzioni di regolazioni flash off-shoe integrata nella macchina, sono costretto a utilizzare un flash come master per controllare vari gruppi di flash. ma se mi trovo in esterno e uso il flash come master non posso muovermi a distanze superiori ai 10 metri? se mi sto sbagliando puoi gentilmente spiegarmi esattamente come funziona, nella sua piena interezza, la funzione master di un flash?
    tanti cari saluti
    Roberto

    • Neoz 11 marzo 2014 at 15:53

      La cosa migliore è usare trigger TTL come i 622 della Yongnuo che ti evitano di utilizzare flash master 🙂
      Li trovi dal mio fornitore sarti fotografia su ebay.
      Sono uno degli acquisti più intelligenti se si usa spesso il flash in TTL (anche se poi le impostazioni le vuoi in manuale).
      Non so se la tua macchina supporta i trigger TTL, ma per quello non ti posso aiutare, ti tocca guardare il modello YN 622N se è compatibile con la D3000 🙂
      Ciao !

  12. roberto 11 marzo 2014 at 16:57

    Grazie paolo per la tue delucidazioni. mi sono informato è ho visto che per la mia macchina i 622 N sono pienamente compatibili, ma ho letto in alcune recensioni che non è presente nel sistema Nikon un menu per controllare i flash manualmente. e quindi reputo inutile spendere questi soldi se alla fine non posso cambiare le impostazioni direttamente dalla macchina. So che sei un utente canon e questi problemi non è hai , ma essendo un professionista e conoscendo questi accessori per la fotografia, se sai qualcosa in più su l’utilizzi di questi trigger o di altri sistemi che permettano di poter regolare i flash direttamente a distanza su nikon, potresti informarmi?

    • Neoz 12 marzo 2014 at 15:31

      Se non funzionano i trigger in oggetto mi sa che l’unica soluzione che ti resta è in casa Nikon, ma non conosco esattamente i controller dedicati di Nikon. E credo costeranno una fucilata.
      Mi spiace, al momento non so dirti altro. Se qualche lettore nikonista ha un coonsiglio per te, è bene accetto ovviamente 😉
      Ciao !

    • david 21 maggio 2014 at 01:49

      @roberto io possiedo una nikon d600, ho preso i trigger 622n e il commander 622tx che ha un display da cui setti tutti i flash.. una bomba!

  13. Claudia 4 aprile 2014 at 10:26

    Ciao Paolo! Ho acquistato da poco un flash Yongnuo YN 560 II, sono ancora ignorante in materia ed ho pensato di fare una piccola spesa per sperimentare. Vorrei utilizzare esclusivamente il flash esterno staccato dalla fotocamera (si dice in modalità slave?) per provare alcuni giochi di luce, senza far scattare il flash incorporato alla mia Nikon D90. Ho provato ad impostare sulla reflex pilotaggio commander selezionando “–” per il flash incorporato e “M” per il flash esterno essendo completamente manuale, ma il flash incorporato scatta lo stesso insieme al flash esterno. Cosa posso fare per evitare che il flash incorporato scatti? Devo utilizzare i trigger citati (cactus v5) ? Qualche cavo? Sono confusa. Grazie mille e complimenti!

    • Neoz 4 aprile 2014 at 12:59

      Ciao !
      Con un flash completamente manuale come quello che hai comprato devi usare i trigger (il cavo è scomodissimo).
      I cactus vanno benissimo perchè universali e completamente manuali.

      Purtroppo dalla reflex non c’è modo di pilotare un flash esterno manuale senza un lampo flash, e non è nemmeno una cosa praticissima ed affidabile.
      Vai di trigger 🙂
      Ciao ciao !

      • Claudia 5 aprile 2014 at 08:31

        Grazie mille, Paolo! Provvedo a procurarmi i trigger! A presto! 🙂

  14. Luigi 10 aprile 2014 at 12:26

    Ciao bellissima spiegazione , grazie mille.
    sarei intento nell’acquisto del yonguno 565EX per la mia nikon d5100. Siccome sono ignorante in materia e dovrei acquistarlo da internet volevo capire se questo flash monta sia su canon che su nikon quindi ” universale” per entrambi.. ho visto anche il yonguno 565EX II che ha l’high speed sync volevo sapere dei 2 quali è meglio .. Grazie mille in anticipo!!!

    • Neoz 13 aprile 2014 at 05:00

      Devi prendere il modello specifico per nikon! Controlla dal venditore.
      Se hai HSS é meglio che non averlo, ma guardati bene a cosa serve, perchè se non lo userai mai non ha senso spendere di più.
      Mi sa che il 568 ha HSS, mentre il 565 no 🙂
      Ciao ciao !!!

  15. Sergio 21 aprile 2014 at 18:31

    Ciao neoz volevo chiederti un consiglio tra il flash Canon 430 ex II e il yognuo flash 568 II ? Ho una Canon 7d.
    Grazie
    Sergio

    • Neoz 23 aprile 2014 at 14:57

      Difficile dirti cosa hai bisogno 😉 La differenza tra i due prodotti sta principalmente nella potenza e nelle funzioni (lo Yongnuo è anche master ed ha più funzioni).
      Il 430 di contro è Canon (non è poco) ed ha garanzia ed assistenza DECISAMENTE superiori al prodotto cinese.
      Dipende da quello che è più importante per te.
      Guarda anche il Phottix Mitros o il Nissin 866 MKII. Sono entrambi ottimi prodotti con garanzia superiore a Yongnuo.

  16. david 21 maggio 2014 at 01:42

    ciao Neoz! una domandina veloce per te che sei esperto di yongnuo:
    ho acquistato un yn560 mark iii (che sto aspettando) con trigger incorporato, secondo te riesco a comandarlo col trasmettitore yn622tx senza aggiunta di trigger yn622 sul flash?

    chiedo perchè la scheda tecnica del flash in questione parla di supporto per trasmettitori rf-603…

    • Neoz 21 maggio 2014 at 17:34

      Per me se è data la compatibilità con il 603 non riesci ad usarlo assolutamente con il 622, che è un trigger TTL completamente differente.
      Ciao ciao !!

      • David 21 maggio 2014 at 17:50

        Mmhh.. Va bè ma se sotto il flash ci pianto un 622 ho risolto no? Spero non mi vada in conflitto col trigger interno..
        Grazie per il tuo tempo!

        • Neoz 21 maggio 2014 at 17:52

          il 622 è automatico ma che io sappia può triggerare anche flash manuali.
          Non so cosa dirti del flash perchè non lo conosco e non so come funzioni, ma penso che il trigger ricevitore interno possa essere abilitato o meno.
          Leggi il manuale in proposito 😀
          Ciao ciao !

  17. Diego Fernando Pischetola 22 maggio 2014 at 12:51

    Ciao NEOZ,seguo e leggo ogni giorno oramai il tuo blog,che dire: FANTASTICO!
    Volevo chiederti solo una cosuccia: Mi consiglieresti il miglior Flash ad OGGI che mi consenta di fotografare in un piccolo studio e in esterna (che sarà il Luogo al 90% dei miei scatti).Come materiale possiedo una Nikon D5100,l’obiettivo kit (18-55 Vr f/3.5-5.6),un Tamron 17-50 f/2.8,un Tamron 70-300 f/4-5.6 e un FLASH SB-910 della Nikon. Te ne sarei davvero grato perchè vorrei un’altro Falsh che mi consenta di divertirmi di più di aver un solo flash… 😀

  18. Diego Fernando Pischetola 22 maggio 2014 at 13:04

    ………………..continuo quì perchè penso che non ti ho fornito tutte le giuste indicazioni:

    allora non so quale comprare tra questi Flash:
    – YN 560
    – YN 560 II
    – YN 565 EX
    – YN 568 II
    – Nissin Di866 MARK II
    – Phottix Mitros

    inoltre ho da dirti che siccome ho un negozio (e non so se sai quanto tempo ci si rimane dentro) e perciò ho orari un po prestabiliti per scattare foto di generi che AMO+di ogni altra cosa(Fashion,Glamour,Beauty,Moda, Boudoir) e quindi gli orari sono quelli del “Chiuso negozio” 😀 [non so se ho reso l’idea ma come ho detto purtroppo chiudo il Giovedì Pomeriggio e la Domenica Pomeriggio………e in quell’arco di tempo ho Il Mio Tempo] 😀 Grazie ancora di tutto!

    • Neoz 23 maggio 2014 at 02:32

      Dipende molto da cosa vuoi fare con il secondo flash. Suoi usarlo solo in manuale è ovvia la scelta tra i flash manuali. Consiglio in tal caso 560 II.
      Se vuoi un flash che sia anche TTL invece i migliori sono phottix e Nissin che hanno garanzia migliore e probabilmente sono costruiti meglio.
      Avendo il nikon TTL puoi optare per un più economici flash manuale. Personalmente non uso mai due flash in TTL. Trovo che se devo costruire un set la cosa migliore sia la manualità 🙂
      Ciao ciao

  19. Della Morte Pubblio 18 luglio 2014 at 11:03

    Ho appeno acquistato un YN 560 -II per una Nikon 7100 non conosco l’inglese pertanto è un problema per le istruzioni non capisco perchè qunado scatto si apre un pochino il flash incorporato sulla macchina fotografica grazie

    • Neoz 25 luglio 2014 at 21:48

      Ciao !
      Probabilmente c’è qualcosa che non va.
      L’inserimento di un flash esterno dovrebbe bloccare l’uscita del flash integrato con un sistema meccanico.

      Per qualche motivo questo non succede, ma non saprei la causa.

      Sorry 🙁

  20. Massimo 7 agosto 2014 at 22:09

    ciao ti pongo una domana
    Perché sia sulla 550d che sulla 60d non riesco a far andare il YN560-II in automatico?devo impostare qualcosa che non so?
    grazie mille

    • Neoz 10 agosto 2014 at 12:32

      Ciao.
      Semplice. Perché il flash in oggetto è soltanto completamente manuale 🙂

      Ciao ciao !!!

  21. Pietro 8 agosto 2014 at 23:58

    Ciao a tutti.
    Ho bisogno di Voi per un problema con la mia eos 400d:
    Il flash integrato non funziona più, non esce nemmeno dalla sua sede.
    Ho fatto un test con un flash esterno e funzionava perfettamente. Ho qun di preferito acquistare un flash esterno piuttosto che far riparare la fotocamera.
    Ho preso il YN565 EX II dopo aver chiesto ed avuto conferma dal venditore che tale flash è compatibile con la eos 400d.
    Mi è arrivato ma non funziona: in modalità TEL, riconosce e visualizza lo zoom corretto, si accendono i led rossi quando premo a metà il pulsante di scatto ma quando premo per scattare il flash non si accende.
    Ho provato anche in manuale e i modalità flash con il simbolo del fulmine acceso ma niente.. non si attiva.
    Qualcuno usa questo flash sulla 400d?
    Ripeto.. il flash del mio amico ( non ricordo marca e modellol) funzona va perfettamente.

  22. Pietro 9 agosto 2014 at 12:29

    Aggiornamento. .. ho smontato la fotocamera e sono riuscito a riparare il problema del flash interno. Adesso funziona perfettamente. Quello il 565ex II continua a non funzionare.

  23. Michele S. 3 ottobre 2014 at 19:20

    Salve,
    ho appena acquistato da Amazon uno Yognuo 565ex, ho constato che scarica le batterie nel giro di un paio di giorni, ma da spento. Le batterie che utilizzo sono le classiche Duracell e le Philips non ricaricabili.
    Secondo la sua esperienza è normale?
    Grazie

    • Neoz 4 ottobre 2014 at 15:32

      No, non è affatto normale.
      Qualsiasi apparecchio spento consuma lentamente le batterie, ma quelle ricaricabili soprattutto.
      C’è sicuramente qualche problema.

      In ogni caso non ti consiglio di usare le batterie normali non ricaricabili perchè l’uso intenso le scarica piuttosto velocemente in fase di utilizzo.
      Questo quando il tuo flash non avrà più problemi 😉

      Un saluto !

  24. John 20 ottobre 2014 at 04:45

    caro neoz vorrei prendere 2 flash con hss. sto puntando il 500ex che costa meno rispetto al 580ex II.

    però ho paura per l’utilizzo esclusivo che devo farne (in hss gli stop si abbassano pesantemente) che la potenza del 500ex sia insufficiente.
    per cui domando, ma tra ng53 e ng58 c’è un reale guadagno o basta trovare piccoli accorgimenti (iso, valori, avvicinarsi, ecc) per arginare la minore potenza di sparata?

    e nel caso usassi due 500ex assieme quanta potenza in più avrei rispetto ad un 580ex II singolo?

    insomma, dammi un consiglio, perchè se possibile vorrei risparmiare sui 580ex II, anche perchè ci sono tre yn 622c da mettere in conto.

    p.s. giocare coi flash alla fine è costoso quanto un L !!! ; )))

    • Neoz 20 ottobre 2014 at 14:51

      Ciao. I calcoli di potenza precisi non te li faccio, ma ti dico che personalmente non prendo mai flash al di sotto del NG 58 😉
      Questo perchè sono già piccole luci e personalmente non trovo sensato prenderli meno potenti del massimo possibile.

      Tu mi citi il 580 EX II che è di casa Canon, ma se vuoi i cinesi il corrispondente è 568 EX II di Yongnuo.

      Non so che risparmio ci sia, ma io non prenderei dei flash NG 53 … c’è anche da dire che io ci lavoro e ho bisogno potenza.

      Valuta tu, sapendo che NG 53 vuole dire che arrivi a 53 metri al massimo della parabola (105mm) a ISO 100. Se non usi modificatori che tolgono potenza potrebbe anche essere sufficiente per te.
      Ma usando la parabola in modalità grandangolo e con qualche modificatore la potenza se ne va molto facilmente.

      😉

  25. davide 21 ottobre 2014 at 00:07

    opsss… scusami ma nel mess. precedente ho continuato a scrivere 580ex II (canon) quando in realtà intendevo il 568ex II (yongnuo).

    riguardo la tua risposta sei stato esaurientissimo. mannaggia a te, non è la risposta che volevo sentirmi dare ma hai ragione.

    provvedo allora con una via di mezzo. prendo un 500ex e un 568ex II.
    fammi risparmiare qualcosa.. eccheccavolo !! ; P

    grazie della risposta, mi ha schiarito la questione potenza.

    un caro saluto
    davide

  26. Massimo 23 ottobre 2014 at 13:47

    Buongiorno Paolo
    scusa il disturbo, volevo sapere se puoi darmi indicazioni in merito a un difetto emerso sul mio flash YN565EX.
    questa mattina ho avuto la sorpresa che pur accendendosi, la luce led rimane verde, ma non scatta.
    inoltre tutti i pulsanti ad eccezione del tasto on/off non danno segni di vita!
    c’è un modo per “resettarlo”?
    oppure sai dove posso mandarlo per assistenza?

    grazie mille in anticipo
    Massimo

    • Neoz 25 ottobre 2014 at 11:03

      Assistenza in Italia non credo proprio ci sia al momento.
      Infatti anche io per i flash di un certo costo mi sto dirigendo altrove.
      Non ho idea che cosa sia successo al tuo flash, ma di certo ha qualche problema.

      Senti il venditore se può darti un supporto, sostituzione…

      Un saluto !

      Neoz

  27. Roberto 19 gennaio 2015 at 17:16

    Ciao Paolo, scusami per il disturbo.Ho appena acquistato l’YN-560 IV ed ho riscontrato un piccolo problema.Quando scatto a piena potenza con zoom impostato a 105 mm, il flash fa il lampo, la spia verde rimane accesa per circa 10 secondi inseguito si spegne il display rimanendo solo l’icona delle batterie scariche per circa 10 secondi dopodichè sparisce anche quella.Se riaccendo il flash e continuo a usarlo in qualsiasi modalità tutto è ok. Solamente a 105 mm e 1/1 di potenza ho questo problema.Premetto che le batterie energiser da 2300 mhA erano cariche al massimo.Ho provato anche con altri set batterie, stesso problema.Per il resto il flash è una bomba.Grazie.Cordiali saluti, Roberto.

    • Neoz 21 gennaio 2015 at 12:59

      Strano, non so che dire ….
      Pare un problema del flash ma non capisco di che entità.
      Sarebbe da far sostituire dal venditore 🙂
      Ciao !!

  28. Gianni 4 febbraio 2015 at 08:57

    Bella recensione e già sharata su Yongnuo Italia, sperando di fare cosa gradita 😉
    complimenti!

    https://www.facebook.com/yongnuoitalia

    • Neoz 4 febbraio 2015 at 11:41

      Grazie. 🙂

  29. Danilo 2 marzo 2015 at 13:23

    Ciao, cortesemente sai dirmi se il yn 565ex emette un ticchettio proveniente dal vano batterie quando SPENTO? È normale o c’è qualche problema elettrico che consuma le pile anche da spento? Grazie mille!
    Danilo

    • Neoz 2 marzo 2015 at 14:52

      Ciao ! No non ho mai sentito ticchettii, non ho idea di cosa possa essere.
      Mi spiace.
      Ciao !
      Neoz

  30. francesco 15 giugno 2015 at 18:04

    Ciao Paolo, complimenti come sempre, volevo chiederti se avevi notato una cosa, dopo rapide sequenze di lampo, anche a 1/4 di potenza, diciamo dopo 30/40 lampi il flash si spegne, ne ho 4 e mi fanno la stessa cosa, è una funzione dell’unità? magari contro il surriscaldamento o cosa? grazie anticipatamente 😀

    • Neoz 15 giugno 2015 at 19:55

      Ciao ! Credo che sia normale. Sono i circuiti di protezione del flash che evitano che il tutto si fonda per utilizzo intensivo.
      Per quel tipo di utilizzi meglio orientarsi su unità dedicate a quel tipo di utilizzo come il Nissin MG 8000 Extreme, che promette una resistenza superiore al surriscaldamento anche dopo intense sessioni ad elevata potenza.

      Ciao ciao !

  31. Riccardo 3 ottobre 2015 at 00:35

    Buonasera, volevo chiedere un consiglio.
    Io ho uno YN560 III pero’ non riesco a far funzionare i gruppi…
    cioè quando sono in modalità wireless premo il tasto MODE + IL TASTO A DESTRA (che indica la modalità wireless) e dovrebbe funzionare la modalità GRP (gruppi) ma niente da fare… non so più che fare… c’è quanche cosa da impostare nella modalità FN ??
    grazie in anticipo!

    P.S. c’è una combinazione di tasti per resettare il flash?

    • Neoz 5 ottobre 2015 at 09:30

      Perdonami, ma purtroppo non conosco quel modello. Non ho mai usato un 560 III. Mi spiace !
      Sul manuale non è spiegato il tutto ?
      Ciao ciao

Comments are closed.