Canon EOS 70D prova sul campo by Neoz

Canon EOS 70D, prova sul campo by Neoz

Introduzione

Canon EOS 70D è una macchina fotografica (VDSLR) in qualche modo rivoluzionaria, che basa la sua fama e le aspettative che ruotavano attorno al suo lancio, sulla nuova tecnologia DUAL PIXEL CMOS, che, almeno sulla carta, promette prestazioni sensibilmente migliori nella messa a fuoco in modalità Live View e durante le riprese video.

Inutile spiegare nel dettaglio la tecnologia, trovate ovunque illustrazioni estremamente complete. Come sempre sulle pagine del mio blog, mi interessa maggiormente elencarvi quanto mi piaccia lavorare con EOS 70D e quali vantaggi sul campo, quali impressioni di utilizzo io ne abbia tratto dopo un periodo di tempo sufficiente alla conoscenza completa del prodotto.

EOS 70D segue temporalmente e tecnologicamente il modello 60D, che ho posseduto per un annetto, e di cui sono stato piuttosto soddisfatto, con qualche piccola mancanza come ad esempio un sistema di messa a fuoco più prestazionale ed alcune caratteristiche “pro oriented” come la microregolazione AF.

L’acquisto di EOS 70D è stata una decisione dettata dalla necessità di esplorare le nuove funzioni video, il wi-fi incorporato e per avere un terzo corpo macchina più compatto e leggero, rapido e con funzioni all’avanguardia, come il controllo touch.

Ho pensato anche di farvi una chiacchierata su EOS 70D. So che il mio visino non rientra tra i soggetti di maggiore interesse, ma almeno vi posso parlare a 4 occhi, almeno virtualmente 😉

Ergonomia, Costruzione, Design

Canon EOS 70D è costruita molto bene. Non è pesante, ma nemmeno un “giocattolino” plasticoso, è ben bilanciata, assemblata bene, e presenta materiali piacevoli al tatto e pulsanti che si premono piacevolmente, con il giusto feeling tattile. Non siamo al livello di modelli di fascia e prezzo più elevati, ma non ho troppe lamentele per quanto concerne questo aspetto. Se non amate le reflex grandi e pesanti il compromesso offerto da EOS 70D è ottimo.

La macchina mi cade bene in mano (non ho mani grandi) e si impugna in modo fermo e sicuro, senza dare per nulla l’impressione di un prodotto di fascia economy. Se la userete normalmente è probabile che vi durerà per anni ed anni.

La sua azzeccata ergonomia fa venire voglia di impugnarla e di uscire per strada a catturare immagini, il lavoro di Canon per quanto riguarda l’aspetto che io definisco “emozionale” del prodotto, è stato davvero ottimo.

Nulla appare enormemente nuovo sulla scocca di EOS 70D, ma vi si possono trovare piccole migliorie nella disposizione dei controlli e pulsanti, che innalzano la qualità globale dell’esperienza utente, già di buon livello sulla precedente EOS 60D.

Canon EOS 70D recensione Neoz

Funzioni principali, innovazioni, loro utilizzo sul campo

La prima caratteristica distintiva di EOS 70D, rispetto alla concorrenza in casa e fuori casa, è la presenza di uno schermo tattile, che eredita da 60D anche la caratteristica di completa orientabilità. La qualità dello schermo è quanto di meglio si possa trovare sul mercato e l’utilizzo del touch screen, dopo poco tempo crea una discreta “dipendenza”. Non lo si userà in ogni condizione e situazione di lavoro, ma è di sicuro comodo e rapido per modificare i settaggi, rivedere le foto ed i video e per il controllo globale della fotocamera.

L’utilizzo “iPhone like” non sarà certo dei più professionali, ma è, onestamente, davvero comodo in tante situazioni e vi troverete spesso a rifare il medesimo gesto se possedete un paio di vecche e gloriose 5D Mark II come il sottoscritto.
La 5D vi guarderà male dopo il vostro tentativo di controllarla con l’indice della mano sinistra, ma non se la prenderà più di tanto 😉

La tenologia Dual Pixel Cmos AF funziona. Senza se e senza ma, il nuovo sensore mette a fuoco come e meglio di una mirrorless recente in modalità Live View e stupisce per fluidità e precisione durante la registrazione video. Avrete modo di vedere 70D all’opera in qualche video durante il prosieguo di questa chiacchierata 😉

La microregolazione AF per ogni lente Canon utilizzata è un eccellente aggiunta (che andrebbe messa su tutte le reflex ormai) e che permette agevolmente di risolvere piccoli problemi di non perfetto accoppiamento ottica-corpo macchina per quanto concerne la precisione dell’autofocus (back o front focus).

L’autofocus a 19 punti a croce è evoluto, rapido e preciso. Manca un po’ della versatilità del sistema presente su EOS 7D, ma quello che serve di più c’è e funziona un gran bene. La sensibilità pare ottima e ci siamo finalmente distanziati non di poco dal sistema autofocus ormai vecchio presente su 60D. Ora si focheggia rapidi e sicuri anche con scarsa luminosità e i punti laterali agganciano senza tentennamenti.

Il mirino con sovrapposizione LCD in stile 7D e 5D Mark III è benvenuto con tanto di plausi ed applausi. Una delle cose che mi mancano di più sulle mie Mark II è proprio questo semplice e geniale pezzo di tecnologia, che permette sovrapposizione di informazioni, di un reticolo per aiutare la composizione, e di visualizzare il solo punto di messa a fuoco attivo, la livella elettronica ed altro ancora.

Il Wi-Fi integrato può non interessare a tutti, ma è sicuramente un’ottimo benvenuto ed uno dei motivi che, personalmente, mi hanno spinto all’acquisto.  La configurazione non è sempre semplice e priva di intoppi, ma con un po’ di pratica si riesce a far funzionare tutto e l’utilizzo migliora con il passare del tempo, dando la possibilità al fotografo o fotoamatore di utilizzare la refelx in modi del tutto nuovi, collegandosi all’iPhone o al tablet, stampando direttamente su stampanti senza fili, controllando la reflex da PC ed altro ancora. Ho provato a controllare la mia 70D utilizzando un iPhone ed un iPad con EOS Remote di Canon e, anche se con qualche piccolo intoppo, sono riuscito a far funzionare il tutto correttamente.

Ritratto papà - Neoz

Mancanze, parliamone subito

Le nuove funzioni ci sono tutte, le innovazioni anche, ma non tutto splende nella dotazione di EOS 70D. Citiamo subito qualche mancanza.

La prima, piuttosto importante in una reflex orientata al video, è sicuramente la mancanza di una presa cuffie per il monitoraggio dell’audio in acquisizione. Non doveva mancare. Un peccato.

Anche il doppio slot per schede di memoria che ormai Nikon ama e tende a mettere negli ultimi modelli di fascia media, un po’ ci manca. E’ utile averlo in particolari modo quando si realizzano video che consumano un notevole spazio sulle SD card.

EOS 70D - Postprodotta

Sul campo, le mie impressioni d’uso

Canon EOS 70D è una macchina che si usa piacevolmente, con un peso e dimensioni piuttosto idonee ad un utilizzo prolungato, senza affaticare troppo polso e braccia, idonea anche a mani non troppo grandi, ma comoda e rapida nell’utilizzo. Non è lillipuziana, ma nemmeno un carro armato come le sorelle maggiori full frame.

Per un utente Canon le funzioni sono tutte li dove le cercherete e, a meno di qualche piccola mancanza (come il bilanciamento del bianco) i tasti fisici permettono di gestire la maggior parte delle opzioni utili per il 90% dei fotografi e fotoamatori. Il display LCD Touch aiuta non poco a rendere rapido l’utilizzo dei menu ed dei settaggi.

Il suono dell’otturatore è gradevole e non disturba troppo, con un volume non troppo elevato e senza trasmettere troppe vibrazioni alla mano del fotografo che la impugna.

Il mirino con sovrapposizione LCD è ottimo, molto chiaro e semplice, perfettamente idoneo ad un modello di questa fascia. In Canon devono cominciare ad usare questa tipologia di display in ognuno dei loro modelli di reflex, la differenza e la comodità sono troppo superiori per rimandare ulteriormente il passaggio di tecnologia.

Non sono un fotografo sportivo, ma 7 fotogrammi al secondo possono soddisfare anche un amante della fotografia d’azione, senza troppa paura di perdersi le azioni chiave. Il buffer si esaurisce dopo 13 scatti, niente di esaltante, ma nemmeno malaccio. In un servizio matrimoniale, abituato ai 3,9 frame al secondo di EOS 5D Mark II, ho tutto lo spazio per catturare ogni momento del tradizionale lancio del riso 😉

Elisa

Qualità d’immagine

EOS 70D è dotata di un sensore d’immagine in formato APS-C da 20,2 megapixel totali. Una risoluzione piuttosto elevata per un sensore di dimensioni ridotte.
La sua qualità di immagine è sicuramente ottima per il segmento in cui si colloca la fotocamera, anche se non appare alcuna rilevante superiorità rispetto alla più datata EOS 7D. La tenuta ISO è buona fino a valori elevati ed il disturbo contenuto e regolare. Personalmente la utilizzerò con totale tranquillità fino a 3200 ISO, con 6400 come opzione e con i 12.800 in caso di reale necessità in casi limite. L’espansione a 25.600 ISO è come sempre di totale emergenza e vede un degrado importante di dettaglio e fedeltà di colore.
Ho usato 70D per realizzare alcune immagini di prodotto per il mio sito matrimonio.neoz.it e sono rimasto molto soddisfatto della nitidezza e dei colori piuttosto fedeli che ho ottenuto. Qui sotto un paio di esempi ottenuti con una luce continua bilanciata ed una postproduzione di base.

EOS 70D Neoz Photography EOS 70D Neoz Photography

CRASH !!!

Durante la mia prova intensiva di EOS 70D è successa una cosa che non dovrebbe, ma che purtroppo a volte accade. La caduta della macchina 🙂 Un crash test improvvisato e non programmato, insomma.
Per fortuna non è stata una caduta da grande altezza e la botta ha procurato alla EOS solamente un danno estetico sul fondello, accanto allo sportello di alloggiamento della batteria.
Nessun problema funzionale per la macchina.

Video: l’aspetto innovativo di EOS 70D

70D si acquista certamente anche soltanto per creare ottime immagini, ma il suo aspetto innovativo è certamente più interessante se applicato alla realizzazione di video, anche se funziona ottimamente anche in modalità ripresa fotografica LIVE VIEW.
La tecnologia DUAL PIXEL CMOS AF nasce per risolvere un problema che da sempre affligge le video DSLR. E lo fa in maniera egregia, rendendo del tutto nuova l’esperienza di realizzazione di video con questa recente fotocamera.

Sia che decidiate di lasciare alla fotocamera la gestione del fuoco, sia che vogliate controllare in prima persona il punto di messa a fuoco, la combinazione della tecnologia appena citata con il bellissimo schermo LCD permette un controllo ed una rapidità fino ad ora impossibili per una reflex.

Ho realizzato per voi un videoritratto emozionale utilizzando soltanto EOS 70D ed un paio di ottiche (EF 35mm f/2.0 IS USM e EF 50mm f/1.4 USM). Il risultato è stato decisamente incoraggiante. Finalmente possiamo disporre di una tecnologia che assiste egregiamente la messa a fuoco per i casi in cui non è possibile utilizzare la messa a fuoco manuale con dispositivi follow focus ed altri marchingegni di assistenza alla ripresa. Anche la qualità video è di tutto rispetto, anche ad iso elevati, anche se sono presenti un po’ di artefatti ed un po’ troppo moiré.

Eccolo qui sotto. Si intitola Into The Dark. Vi raccomando la visione a pieno schermo ed in risoluzione 1080 😉
Ringrazio Elisa per la gentile collaborazione.

Alti ISO

Niente di innovativo rispetto al passato, una EOS 7D di qualche anno fa non è inferiore alla resa di questa nuova 70D, ma la notizia è comunque positiva, perché una tecnologia innovativa nella progettazione del sensore avrebbe potuto impattare sulla sua gestione del rumore ad alti ISO. Rilassatevi, la vostra 70D vi soddisferà, a patto di non chiederle l’impossibile. Non renderà mai come una reflex full frame (ma nessuno di voi se l’aspettava, vero ? ^_^), ma non si comporta per niente male e per certa fotografia possiamo spingerci fino a 12.800 ISO. 3200 ISO sono ancora ottimamente gestibili ed anche 6400, a patto di non chiedere molto alla postproduzione, ed esponendo correttamente.

Eccovi il pacchetto di RAW ad alti iso da scaricare.

GALLERIA IMMAGINI

Ho realizzato una serie di immagini (con l’aiuto della mia allieva Ilaria 🙂 ) per darvi una idea della qualità d’immagine ottenibile con EOS 70D. Le prime sono completamente non elaborate e trovate anche il link al pacchetto RAW scaricabile. La seconda galleria è invece composta da immagini sistemate in postproduzione con Lightroom 5, per capire che cosa è possibile ottenere con un po’ di lavoro di postproduzione.
Ringrazio la mia allieva Ilaria per aver realizzato assieme a me parte delle immagini di queste gallerie 🙂

IMMAGINI NON ELABORATE

Qui potete scaricare il pacchetto RAW per vedere dati e informazioni sulle foto e per poter visualizzare la qualità dei negativi digitali all’interno del vostro personale flusso di lavoro. Portate pazienza, sono quasi 800 megabyte 😉

IMMAGINI ELABORATE

 

CONCLUSIONI

Devo concludere con un parere decisamente positivo. Sono felice di questo prodotto, di averlo acquistato e lo consiglio agli amanti della fotografia (e del video) che non vogliono passare ai modelli full frame, vuoi perchè non ne sentono l’esigenza, vuoi perchè ne comprendono i pregi ed i difetti e non si vogliono salassare eccessivamente con corpi ed ottiche costosi. Un corpo macchina non esente da difetti, come tutti i prodotti in circolazione, ma che è estremamente ricca di contenuti, con un corpo piacevole da utilizzare, rapido, affidabile e concreto in ogni suo aspetto.
Credo che Canon abbia preso la direzione corretta con la nuova tecnologia Dual Pixel Cmos AF, e che l’abbia lanciata sul mercato al giusto livelo di maturità. Mi aspetto ovviamente ulteriori miglioramenti in futuro, e sono sicuro che Canon saprà utilizzare la tecnologia in modo adeguato e creare un trend tecnologico che i concorrenti non potranno che seguire.

[tagline_box backgroundcolor=”” shadow=”yes” shadowopacity=”0.5″ border=”0px” bordercolor=”” highlightposition=”top” link=”” linktarget=”_self” buttoncolor=”” button=”” title=”Condividi !” description=”Vi chiedo la cortesia di condividere il più possibile questa mia recensione, che è costata davvero molte ore di prove e valutazioni. Vi basta utilizzare i pulsanti presenti in testa articolo. Il vostro supporto mi potrà permettere di continuare con questo mio lavoro di valutazione e divulgazione dei miei pareri sulla tecnologia legata al mondo del digital imaging. Un grande grazie a chi mi segue e mi sostiene da anni. :-)” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=”0.1″][/tagline_box]

2015-06-17T18:22:00+00:00 dicembre 24th, 2013|Prove e Recensioni|92 Comments

92 Comments

  1. Alessio 24 dicembre 2013 at 20:18

    Grazie, come al solito recensione OK, spiegazione molto dettagliata. Oh una domanda, hai provato a fare riprese video con un microfono esterno, per vedere se si sente lo stesso il rumore della focheggiatura?
    Ciao.
    P.S. qui dovevo essere uno dei primi a lasciare un commento, la mia 70D, a parte un problemino sulla ghiera posteriore che ha smesso di funzionare, non se la cava male. Solo sulla focheggiatura con il Canon EF 50 mm f1,4 non è il massimo, ho acquistato un Sigma 18 – 250 OS macro hsm, e mi pare migliore….

    • Neoz 24 dicembre 2013 at 20:34

      No niente microfono esterno ancora, ma non si sente nulla con l’esterno tranquillo 😉
      Per le ottiche io con il 50 lavoro benissimo. Difficile trovarsi meglio con uno zoom estremo come il tuo 😉 Probabilmente usando diaframmi più chiusi hai più margine di errore e vedi meno problemi di fuoco, è normale.
      Ma il 50 usato bene spacca tutto ! 😀

  2. Giuseppe\ 6 gennaio 2014 at 01:02

    Salve, ottimo articolo………….e video.
    Ma…fare una prova comparativa con la Nikon 7100 potrebbe essere utile………per avere le idee più chiare

    Grazie

  3. marco 12 gennaio 2014 at 22:31

    ti prego no.
    lascia perdere la 7100.
    il segmento corretto per paragonare 7100 sarà 7 mkii.

    • Neoz 13 gennaio 2014 at 15:07

      Lo vedremo 😉 Al momento non esiste alcuna 7D Mark II 😛

  4. Gianfranco 19 maggio 2014 at 14:25

    Salve Paolo, volevo un consiglio da te visto che sei il maestro! Io ho una canon 600D e siccome sto lavorando con un fotografo, sto utilizzando la sua macchina fotografica una canon 5D, e sto notando che con la mia macchina non posso cambiare i livelli di ISO intermedi cioè 500 – 600 -1000 ecc. ma posso utilizzare 800- 1600 ISO e questo mi distrurba un po, poi sto utilizzando spesso alti iso diciamo fino 1600 per recuperare ed utilizzare la luce ambiente, ma noto che c’è un po troppo rumore a 1600 ISO ora ti chiedo, con la canon 70D posso utilizzare iso fino a 2000 senza perdere dettagli oppure non vale la pena acquistarla? A me interessa che posso utilizzre alti iso fino al max di 2500 iso per poi non trovarmi come la 600D che vedo rumore che è molto sgradevole… Grazie…

    • Neoz 19 maggio 2014 at 14:38

      Ciao !
      Sicuramente EOS 70D è una reflex nettamente migliore di EOS 600D, sia come sensore, sia come rumore, sia come … TUTTO 😉
      Non ti aspettare però miracoli, perchè i sensori APS-C sono pieni di vantaggi, ma hanno l’ovvio svantaggio di non poter raggiungere i livelli di pulizia del rumore, gamma dinamica, e “tirabilità dei RAW”, rispetto ad un reflex a pieno formato (full frame).
      Se la tua priorità è il basso rumore ad alti ISO, il salto da fare è verso EOS 6D, ma preparati anche a lenti per reflex Full Frame, maggiori costi di esercizio quindi, e maggiore complessità.

      Io con 70D utilizzo spesso 1600 ISO e posso lavorarci piuttosto bene anche il postproduzione, con ISO 3200 e 6400 che cominciano a dare un po’ fastidio. Poi tutto è anche soggettivo, e dipende molto che cosa devi fare esattamente.
      Nei matrimoni EOS 70D in chiesa a 3200 ISO è spesso utilizzabile, ma non da certo i risultati di 5D Mark II pur essendo quest’ultima una reflex di 5 anni fa. Per gli iso insomma, le dimensioni contano 😉

      A te la decisione finale. Un miglioramento l’avresti, ma non un salto epocale.

      See you !
      Neoz

  5. Gianfranco 19 maggio 2014 at 16:18

    Grazie Paolo, per la spiegazione…. A me interessa solo che posso lavorare con ISO che con la 600D non posso fare in manuale cioè mettere valori come 500,640,1000, 1250 ecc… e poi in post produzione riducendo il rumore non vado a perdere dettagli come la 600D…!

    • Neoz 21 maggio 2014 at 17:32

      Ti confermo, vantaggi ce ne sono, ma non epocali. La regolazione ISO è ovviamente al terzo di stop. Tranquillo 🙂
      La 70D è una ottima macchina per foto e video. Non te ne pentirai sicuramente.

  6. marco 30 maggio 2014 at 22:41

    ciao a tutti.
    sto decidendo per un nuovo acquisto e volevo alcuni chiarimenti e consigli da chi ha usato entrambe la reflex che ho di mira.
    provengo da una datata eos d60 con flash guasto e non so quanti milioni di scatti, e funzia ancora.
    voglio regalarmi o una 6d o una 70d.
    il mio dubbio non è ff o aps-c , con gli obbiettivi sono a posto (la d60 non supporta ef-s) o la differenza di costo, ma bensì: voglio il miglior giocattolo elettronico o quello che mi serve? mi spiego meglio.
    fino adesso ho sempre fotografato da appassionato ma sono quasi sempre stato costretto a usare i 400 iso.
    spesso in interni o piccole stalle devo mettere i 1000 iso (con risultati da 10 e passa anni fà).
    ora salto al 2014 e per quel che mi risulta la 70d è perfetta per me (non mi sono mai cimentato nei video e non mi interessa), ma il dubbio mi assale: non è che scattando molto spesso in interni vado a fregarmi e starei meglio con una 6d che pompa di brutto sugli iso?
    il guadagno è veramente così mostruoso da valere i 4-500 euro di costo in più?
    con la 70d, riesco a fotografare un pargoletto in interno senza doverlo inchiodare perchè stia fermo e senza uso del flash? (dovete scusare la mia ignoranza, ma io, oltre i 1000 iso non ci sono mai andato e non conosco la qualità attuale)
    la 70d è ben costruita o è un prodotto da centro commerciale?
    ringrazio quanti vorranno consigliarmi.
    ciao a tutti.

    • Neoz 30 maggio 2014 at 23:38

      Ciao!
      La 70d probabilmente è una delle reflex migliori che ho mai maneggiato 😉 costruita ottimamente anche se in policarbonato.
      Ma non puoi paragonare la resa ad alti iso con una full frame. Il divario è davvero notevole.
      Il sensore di dimensioni maggiori rende decisamente meglio. 6d poi ha un sensore eccellente. La qualità quindi non è in discussione.
      Con ff devi però avere ottiche migliori e tecnologicamente la 70D è superiore alla 6. Più rapida e con autofocus di ultima generazione, touch screen, fuoco in live view impressionante.
      Con i soldi risparmiati che sono 500 euro almeno puoi comprare un ottica eccellente.
      Valuta tu cosa è meglio per te. A 3200 iso e oltre ogni tanto io lavoro in chiesa anche con 70d, ma una full frame di 5 anni fa come pulizia di rumore la batte. Ovvio.
      Con 6d probabilmente lavorerei anche a 12800 iso.
      Un saluto e buoni acquisti!

  7. marco 31 maggio 2014 at 00:30

    intanto grazie di rispondermi.
    mi hai appena dato una dritta inaspettata. la reattività.
    leggendo qua e là c’è sempre il mantra che ff ottimo a alti iso.
    e fin qua tutto ok.
    molte delle foto che faccio, sono al mio diavoletto di due anni e con il mezzo attuale, e nelle condizioni che mi trovo, devo dire che molte foto vengono mosse a causa dei lunghi tempi di esposizione o perché il piccolo “satana” non stà mai fermo. notare che sa cosa è la macchina fotografica, e si muove apposta.
    il mosso non è solo destra e sinistra, ma anche avanti e indietro.
    in tal caso, secondo il tuo parere, 70d sarebbe (entro certi limiti) più adatta?
    ciao

    • Neoz 1 giugno 2014 at 10:16

      Onestamente per applicazioni familiari in genere non consiglio le full frame, perchè ci devi spendere di più e la profondità di campo diminuisce, sono più complesse da usare, più pesanti …
      L’autofocus della 70D è eccellente, non saprei dirti se batte quello della 6D, ma di sicuro è più evoluto tecnologicamente (con più punti).
      Io prenderei quella fossi in te.
      Come dico sempre se non si è convinti al 100% del perchè passare a full frame, vuol dire che non è il momento di farlo 😉

      Buoni acquisti !
      Neoz

  8. willy 4 giugno 2014 at 12:40

    Ciao, io lavoro in viedo con una una 550d dove ho montato magic lantern, ed ora passare alla 70d senza questo firmware mi spaventa un po’…. Intanto per il bilanciamento del bianco che con ML posso fare sia in automatico che personalizzandolo al volo… la 70 d lo permette? Ha cioè tutta una serie di funzioni personalizzabili e dall’accesso immediato? grazie

    • Neoz 5 giugno 2014 at 22:49

      Ciao !
      La 70D ha le funzioni di tutte le DSLR moderne, il bilanciamento del bianco è come in tutte le altre Canon, automatico, con i preset, e completamente manuale.
      Non conosco e non ho mai usato il SW Magic Lantern e quindi non so cosa ti potrebbe mancare, ma sicuramente per avere quello che avevi prima dovresti installare il medesimo prodotto sulla nuova reflex.
      Onestamente è pieno di colleghi che fanno video professionali con le reflex che non hanno nemmeno idea di cosa sia ML, quindi immagino che anche tu potrai farne a meno senza particolari problemi.

      Ciao ciao !

  9. Paul 20 agosto 2014 at 08:30

    Ciao!
    Avrei ancora un dubbio sulla resa ad alti ISO.
    E’ solo un anno che faccio il “fotografo per passione” e una delle cose su cui mi voglio concentrare è l’astrofotografia (solo con la reflex, non ho un telescopio).
    Sono molto combattuto tra la 70D e la 6D, considerando che dovrei lavorare ad alti ISO anche per ridurre il tempo di esposizione, quale mi consigli?
    Le foto della 70D ad alti ISO sono comunque ben recuperabili con la post-produzione?
    Grazie

    • Neoz 31 agosto 2014 at 23:38

      Inutile mentire all’evidenza 😉 Una FF non può essere battuta da una APS-C. Ovviamente avrai risultati migliori con una 6D. Di quanto non te lo posso mostrare, ma puoi verificare su siti come dpreview.com che mettono a confronto le macchine fotografiche sotto l’aspetto della qualità d’immagine (compresi ovviamente gli alti ISO).
      In PP il rumore ad alti ISO può essere sicuramente migliorato. Già con Lightroom e poi con Photoshop o plugin dedicati per Lightroom e Photoshop.
      Un saluto !

  10. Marco 28 agosto 2014 at 23:47

    Neoz ho visto la tua video recensione su youtube di questa macchina. Sto pensando di sostituire la mia 550D con la 70D, ma in rete trovo numerose persone che si lamentano della messa a fuoco della fotocamera (non in live view), con ottiche luminose a tutta apertura. A te risulta? Stavo pensando di prendere la 70D per via di alcune sue features e per il suo corpo ancora compatto. Altrimenti mi hanno consigliato una 7D, che reputo però abbastanza “ingombrante”.
    Ti ringrazio per la possibile risposta.

  11. Jean-M. Rossi 18 settembre 2014 at 13:58

    Salve Paolo!
    Anche io come tutti ho qualche piccolo dubbio, ma non tanto sul corpo macchina della 70d quanto sull’ottica principale da adottare. Per il lavoro che faccio la 70D, che ho provato per 2 mesi, ha una maneggevolezza quasi perfetta: peso, video CMOS, velocità di scatto e sopratutto WIFI.

    A questo punto però non sono convinto se affiancargli il più prossimo a lei cioè il 18-135 STM o, come vorrei, l’EF 24-105 USM.

    Da una parte credo di aver capito che l’STM é più silenzioso dell’USM ma altresì il pensare di poter passare ad un ottica “migliore” come il 24-105 mi attira molto anche in virtù di un sicuro prossimo passaggio a un secondo corpo macchina ma questa volta full frame!

    Grazie di cuore se riuscirai a rispondermi..
    JM

    • Neoz 18 settembre 2014 at 15:12

      Ciao !
      Le due ottiche di cui parli non sono molto simili tra di loro. Si parla di una lente per full frame serie L ed una entry level per APS-C con caratteristiche nettamente differenti tra di loro.
      Io personalmente non sceglierei il 18-135. Troppi compromessi. Se vuoi non spendere nulla parti dal 18-55 che è migliore otticamente e lo trovi per pochi euro. STM e lo stabilizzatore funziona alla grande.
      Se devi fare un passo avanti serio verso una lente allround per APS-C, la mia preferita è il 17-55 f/2.8 IS, che costicchia, ma è un gioiello. Mi manca ancora oggi che uso principalmente full frame.

      Il 24-105 va visto più in ottica FF, perchè partire da 24 su APS-C può essere un po’ poco, a meno che tu non abbia poi uno zoom grandangolare o che non utilizzi i grandangoli (questo lo sai meglio di me 😉 ).
      Otticamente ed a livello costruttivo non ci sono paragoni. Il 24-105 è superiore. STM aiuta nel video ed è silenzioso, ma non più rapido di USM, quindi non è un vantaggio esorbitante a meno che il video non sia la tua priorità principale e che tu debba acquisire per forza l’audio con i microfoni integrati di 70D.

      Quindi i miei consigli sono :

      – 17-55 f/2.8 IS se rimani su APS-C
      – 24-105 f/4 IS se passerai a full frame nei prossimi 12 mesi

      Le soluzioni alternative di terze parti ci sono sempre, ma per il momento non raggiungono questa mia scelta a livello di qualità complessiva.

      Un saluto !
      Neoz

  12. Deborah 8 novembre 2014 at 01:43

    Salve!!!
    Avrei intenzione di acquistare il kit con il 18-135mm, Posso chiederti come ti sembra a livello di immagine? Nitida? Sono ossessionata dai puntini ma è anche vero che arrivo da una 1200D entry level base che più base non si può 😀
    Un’altra domanda….. Il touchscreen si può disattivare?
    Grazie per questo articolo 🙂

    • Neoz 10 novembre 2014 at 22:27

      Ciao !
      Il 18-135 personalmente non l’ho mai utilizzato, ma chi lo utilizza non ne parla male. Eccotene una recensione : http://www.photozone.de/canon-eos/776-canon_18135_3556stmis

      Che cosa intendi per puntini ? ^_^ Se parli del rumore digitale quest’ultimo non ha nulla a che vedere con la lente che utilizzi, ma è direttamente legato al sensore d’immagine.
      Sicuramente megio che con 1200D.

      Il touchscreen di EOS 70D è completamente disattivabile tramite menu.

      Un salutone ! Neoz.

  13. Angelo 5 dicembre 2014 at 23:53

    Ottima recensione. Visto che l’hai provata a fondo volevo chiederti un consiglio. Tieni conto che prima della 70D avevo la 60D, e l’ho cambiata solamente perchè faccio molto video (sono molto soddisfatto anche della 60D); ho appena iniziato a fare dei video con la 70D e ho riscontrato un fatto “curioso”; se riproduco il video in macchina tutto ok, ma se (come ho sempre fatto con la 60D) scarico i file su *.mov sul pc non si sente l’audio. Ho usato player diversi da VLC a DIVX a QuickTime, nulla l’audio non si sente. Mi chiedo perchè? Tu hai riscontrato questo fatto sulla tua?
    Ciao Angelo

    • Neoz 6 dicembre 2014 at 02:07

      Strano. Se l’audio si sente durante la riproduzione in macchina ci deve essere nel file.
      Quindi il problema sta nel tuo pc per forza di cose …

      Strano …

      Vuoi condividermi su dropbox o simili un tuo piccolo file video che gli do un’occhiata ?

  14. Jared 1 gennaio 2015 at 16:15

    Ciao Neoz intanto complimenti per l’articolo..
    Volevo chiederti io ho appena venduto la mia 7d.. per comprare apposta la 70d per utilizzare di più nel video.. dimmi che nn ho fatto un grande sbaglio..

    saluti

    • Neoz 2 gennaio 2015 at 17:37

      Ciao !
      Non credo proprio che tu abbia sbagliato 😉
      Lo schermo rotante ed il suo controllo touch basterebbero ad aiutarti nei video; se ci uniamo anche il sistema Dual Pixel CMOS AF è certo che la EOS 70D sia uno strumento decisamente più orientato al video.

      Vedrai che ne otterrai parecchie soddisfazioni.

      Ciao ciao !

      • Jared 13 gennaio 2015 at 14:47

        Neoz..oggi mi è arrivata la Canon 70d..ero felice finche nn lho accesa e vedo uno striscione rosso nella parte destra dello schermo.. presente sia durante riprese video che in Live view e qnd vado a rivedere le foto scattate.. lho preso da eglobal e ora ho chiesto il reso.. nn puoi immaginare come mi sento in qst momento.. speriamo che me la cambino al piu presto..

        • Neoz 13 gennaio 2015 at 18:39

          Purtroppo capita. Ed è il motivo per cui quando posso prendo i prodotti in negozi fisici 🙂
          Vedrai che te ne rimanderanno un’altra e tutto si sistemerà.
          Good luck !
          🙂

  15. Nicolò 4 gennaio 2015 at 13:21

    Ciao Neoz, complimenti, bellissima recensione.
    Sono un appassionato di fotografia, di recente ho acquistato una 70D in kit col 18 – 55 stm.
    Volendo acquistare un’ottica di qualità ed usarla per foto di famiglia , ricorrenze, compleanni, ritratti, anche tutto fare volendo, che consiglio mi daresti? – 50 mm f1.4 – 85mm f.1.8 – 35 mm f.1,8 o cos’altro?
    Ciao Nicolò

    • Neoz 8 gennaio 2015 at 01:19

      Ciao, grazie 😉
      Se vuoi un fisso il più versatile di canon al momento è sicuramente il 35 f/2 IS che trovi recensito su questo blog 😉

      Gli altri sono obiettivi decisamente più dedicati ad un particolare genere (ritratto nella fattispecie) o comunque meno versatili.

      Se vuoi uno zoom per APS-C veramente versatile ti consiglio invece il Canon EF-S 17-55 f/2.8 IS e poi puoi vendere il tuo attuale zoom senza alcun rimorso (anche questo lo trovi recensito sul mio blog) 😉

      Per un fisso starei sul 35 stabilizzato per uso generico. O se vuoi spendere meno anche la precedente versione non stabilizzata.

      Ciao ciao !

      • Nicolò 10 gennaio 2015 at 08:30

        Ciao Neoz, grazie per l’esaustiva risposta.
        Credo che la lente che fa al mio caso sia il Canon EF-S 17-55 f/2.8 IS col quale potrò fare anche dei ritratti. Anche il 35 f/2 IS mi affascina (ho letto le tue recensione riguardo le due ottiche) perché ben costruito, più nuovo, ma dimmi usato per ritratto, su APS-C, modifica i lineamenti del viso?
        Ciao e grazie ancora.

        • Neoz 13 gennaio 2015 at 11:08

          Ciao !
          Beh … un 35mm è sempre un grandangolo. Quindi un minimo di deformazione la introduce. Questo può non rappresentare un problema a distanza da figura intera per un ritratto ambientato, o al massimo per un mezzobusto, ma di certo comincia ad essere consistente nei primi piani.
          Quindi il mio consiglio è di NON usare un 35mm per ritratti primo piano.
          Per il resto dipende anche un po’ dal gusto e dallo stile del fotografo. Nel ritratto non posato ai matrimoni mi trovo spesso a lavorare con il 35mm anche per i mezzibusti.
          Per i primi piani e mezzibusti però le mie ottiche preferite sono i medio tele attorno a 85mm 🙂

          Ricorda che su APS-C le ottiche perdono un po’ di angolo di campo coperto, ma non si modificano strutturalmente, quindi un 24mm distorce comunque come un 24mm ed un 35 come un 35 (meno ai bordi ovviamente perchè questi si trovano più vicini al centro della lente rispetto a quando le lenti lavorano su FF) 😉

      • Nicolò 10 gennaio 2015 at 18:16

        Ah, un’ultima cosa, il paraluce del 35 mm F/2, essendo l’obiettivo progettato per F.F, quando è usato con la 70D svolge sempre il proprio compito?
        Sto pensando seriamente a questa lente!
        Ciao e ancora grazie.

        • Neoz 13 gennaio 2015 at 11:15

          Si i paraluce funzionano comunque perchè aiutano in ogni caso a fermare la luce “parassita” che può colpire la lente frontale lateralmente e generare effetti di rifrazione indesiderati.
          Tienilo comunque sempre montato.

          Ciao ciao !

          • Nicolò 13 gennaio 2015 at 15:56

            Grazie Neoz mi hai “illuminato”.
            Ho deciso, a breve prenderò il 35 mm F/2 IS e terrò il 18-55 STM fornito in kit con la 70D.
            Ciao!
            P.s. spero di partecipare ad uno dei tuoi prossimi corsi sul ritratto fotografico ambientato.

          • Neoz 13 gennaio 2015 at 18:41

            Tieni d’occhio il blog, da febbraio dovrebbe partire qualcosa 😉
            Ciao ciao e buone immagini !
            Neoz

  16. Giuseppe 4 gennaio 2015 at 20:22

    Salve. Ho ascoltato la sua recensione e letto tutti i commenti alle domande: credo che per lei la 70D sia al 2° posto dopo le Full Frame Professionali, sia in video che in foto soprattutto. Io sono un semplice appassionato, sto cominciando a lavoricchiare nel settore, oltre mio mestiere, e dopo una 400d e una 700d vorrei fare un’altro salto, di qualità si spera! Ma, visto che il mio corredo vede ancora solo 2 ottiche e un flash, mi è venuto un dubbio: ma la nikon com’è? Premesso che non ne ho mai provata una, io vorrei farle una domanda (non la solita: meglio nikon o canon): se dovessi comprare una semi-pro e spendere sui 1000Euro, quindi magari confrontando 70d con d7100(o altra semi-pro nikon), lei cosa consiglierebbe? Mi assista, la prego, sono ad uno snodo fondamentale in questa passione: se compro un altra canon sarà per sempre, se c’è motivo per cambiare a Nikon voglio farlo adesso. Mi tolga questa curiosità, grazie.

    • Neoz 8 gennaio 2015 at 01:25

      Ciao ! Da utente Canon da 20 anni non posso certo consigliarti di passare ad altro sistema 😉
      Come immaginerai ogni sistema ha vantaggi e svantaggi e tra questi io personalmente propendo sempre per Canon, specialmente per la resa del colore e per i controlli delle reflex che mi paiono più rapidi nell’utilizzo.

      Detto questo, l’unico giudice sei tu, al di la di tante menate tecnologiche l’importante è trovarsi bene con un prodotto. Se fino ad ora Canon ti ha soddisfatto non vedo il motivo per cambiare. Se invece trovi qualche cosa che non va prova una nikon di qualche amico o conoscente e poi valuta come ti trovi.

      Tieni presente che i cambi “epocali” come quelli di un marchio sono consapevoli se fatti da chi conosce piuttosto bene il mondo della fotografia. Se senti la necessità di un cambiamento è perchè conosci i due marchi e capisci che per te va meglio uno dei due.

      Altrimenti ogni cambio potrebbe soltanto essere dettato dalla “voglia di qualcosa di nuovo” che di certo non ti porterà a creare immagini migliori 😉

      Ciao ciao !

  17. Flavio 10 gennaio 2015 at 17:41

    Per ovviare alla mancanza dell’ingresso audio come si può fare?
    Grazie per l’ottima recensione.

    • Neoz 13 gennaio 2015 at 11:20

      Ciao ! La 70D ce l’ha eccome l’ingresso audio. Quello che manca è l’USCITA audio per il monitoraggio con le cuffie.
      Quindi senza problemi puoi collegare un microfono esterno per l’acquisizione di audio di qualità superiore, o per interviste ecc …

      Alla mancanza di presa cuffie non si può ovviare, bisogna sistemare accuratamente le impostazioni audio ed il microfono prima del lavoro, ma non è possibile monitorarlo durante l’acquisizione.
      Alcuni utilizzano registratori audio esterni come gli ZOOM, per acquisire audio di ottima qualità che è anche monitorabile collegando una cuffia al dispositivo esterno. Poi sincronizzano l’audio in postproduzione. Un po’ di sbattimento in più ma la qualità è alta. Ovviamente per il video reportage non è fattibile.

      Ciao ciao!

      • Flavio 16 gennaio 2015 at 00:30

        Grazie mille! Molto esauriente. 🙂

  18. Deborah 14 gennaio 2015 at 05:50

    Si Neoz mi riferivo al rumore che nella vecchia reflex era così brutto che ormai lo chiamavo solo “odiosi puntini” haha! Mossa fatta… Ho preso la 70D, che dire, UNA BOMBA! Forse ero troppo abituata al modello base 1200D e ho finalmente fatto il grande passo avanti e ne sono veramente soddisfatta, per ora non ha mancato una foto e qualcosa di molto molto buono lo porto sempre a casa 🙂
    Ti ringrazio per questa recensione poiché prima di comprarla mi sono abbastanza ossessionata con le videorecensioni online se ne valesse o meno la pena e la tua è stata stra convincente e infatti non ti sbagliavi! Sarebbe interessante provarla con un Samyang 14mm o un Tokina 11-16mm, sto morendo dalla voglia… Apparte questo, Se la consiglio???? LA STRA CONSIGLIO A TUTTI!!!
    Un buon lavoro a te e tutti gli appassionati e professionisti del campo e grazie ancora per ora!

    • Neoz 15 gennaio 2015 at 18:48

      Grazie a te per avermi letto. Sono sempre felice di essere utile 😉
      Ciao !

  19. Giuseppe 23 gennaio 2015 at 01:36

    Tra una 60D e una 70D lei cosa consiglierebbe? Lavoro molto con AF io e vorrei capire se i 9pt sono poca cosa rispetto ai 19pt della 70D. La differenza di prezzo è abissale, visto che vorrei comprare in negozio fisico, dunque è importante capire se in foto questa differenza è netta, perchè con la 60D i 12800 ISO sono soddisfacenti e credo anche i suoi 18x. Consideri che Lavoro sempre in notturna con flash 430exII per eventi “vari”, e adesso mi è sorto questo ennesimo dubbio! Mi aiuti,
    60D 17-85 900Euro
    70D 18-135 1350Euro
    considerando tutto, specifiche tecniche e soldi! Grazie grazie grazie.

    • Neoz 23 gennaio 2015 at 15:50

      Ciao Giuseppe.
      Ovviamente tra le due macchine c’è una generazione e quindi la 70D è superiore sotto tutti gli aspetti. Migliore autofocus, migliore sensore, migliore corpo macchina, migliori prestazioni, più nuova tecnologia. Tranne il prezzo tutto propende per la 70D.
      Ma se il prezzo è il tuo problema puoi tranquillamente considerare 60D che è comunque stata una ottima macchina che ho usato con piacere per un annetto.
      12.800 ISO non li definirei usabilissimi, in nessuna delle due macchine. Ma per qualche tipologia di immagine possono ancora essere utilizzati.
      Il sistema di messa a fuoco è decisamente migliore su 70D, questo non è in discussione.

      Valuta tu. Il denaro è sempre un aspetto importante. Se non fai video e se il fuoco ti basta quello di 60D, potresti risparmiare.

      Ciao ciao !

  20. roberto 1 febbraio 2015 at 09:08

    Ho trovato utile quanto scritto finora e spiegato in maniera semplice.Una domanda ho questi obiettivi base ef 75-300 1.4-5.6 III e 18-55 efs sono utilizzabili con la 70 d per i video oltrechè per le foto? successivamente acquisterò ottiche più adatte. Grazie

    Roberto

    • Neoz 1 febbraio 2015 at 11:58

      Ciao. Penso che tu li possa usare. Unico problema potrebbe essere il 75-300 che è un po’ vecchiotto ed economico. Potrebbe non supportare appieno il sistema di messa a fuoco Dual Pixel CMOS AF.
      Al limite …

      Ciao ciao

  21. Angelo 1 febbraio 2015 at 19:34

    Ciao Roberto, mi inserisco nel discorso perchè ho una 70D, e che ho preso proprio perchè faccio molto video per cui il suo sistema di messa a fuoco è una manna dal cielo. Tieni conto che prima avevo una 60D (ottima, ma la messa a fuoco continua dei video era un pò problematica perchè costretto a farla a mano) e ho cambiato appunto per la messa a fuoco dei video. Detto ciò, poichè possiedo anche un 10-22mm Canon ed un Tamron 70-300mm, posso assicurarti che sono perfettamente compatibili con la 70D (come qualsiasi altro obiettivo adatto alle EOS); in realtà la 70D l’ho presa con il buon 18-135mm STM, il quale durante la messa a fuoco non produce praticamente nessun rumore avvertibile nel video, proprio grazie al suo nuovo tipo di motore. Invece eseguendo dei video con gli altri due obiettivi si sente in modo fastidioso il rumore del motorino di messa a fuoco, che tra l’altro avendo questi 2 obiettivi un motorino più reattivo del 18-135mm STM, va avanti ed indietro per trovare il fuoco. Concludendo puoi tranquillamente usare i tuoi obiettivi (il 75-300 ed il 18-55) sapendo che per la messa fuoco hai 2 opzioni: o esegui la messa a fuoco dei video a mano, oppure tieni la messa a fuoco fissa, pena il rumore del motorino all’nterno del video e un movimento altalenante della messa a fuoco che va avanti o indietro. Spero di averti tolto ogni dubbio a riguardo.

    • Neoz 1 febbraio 2015 at 19:51

      Grazie per la testimonianza Angelo. 🙂

  22. Angelo Murano 9 febbraio 2015 at 17:25

    Salve a tutti. 🙂
    Io sarei intenzionato a comprare la 70D. Relativamente al corpo macchina in sè non ho dubbi, tutti ne parlano bene!
    L’unica mia preoccupazione è che non so se sia compatibile con il Tamron af 18-270mm f/3.5 -6.3 di II vc pzd che già possiedo. Purtroppo in rete non ho trovato informazioni esaustive, anche perchè sul sito TAMRON, tra le CANON compatibili (per tutti gli obiettivi Tamron) la 70D, non è proprio contemplata!
    Spero abbiate la risposta per me.
    Grazie!

    • Neoz 10 febbraio 2015 at 21:55

      Ciao !
      Compatibile sicuramente lo è, se è un’ottica per Canon funzionerà senza problemi anche con la EOS 70D.
      L’unica cosa che potrebbe non rendere al meglio (o non funzionare a dovere) è il sistema Dual Pixel CMOS AF … che effettivamente non è garantito che funzioni con tutte le ottiche per Canon, specialmente non originali e così “estreme” come uno zoom di quell’estensione.

      Altro non ti so dire purtroppo.
      Un saluto !

  23. federico 8 maggio 2015 at 07:57

    Ciao ho da un paio di mesi la 70d e venendo da una 600d il mondo cambia totalmente

    Potresti consigliarmi settaggi ottimali per impostare la reflex per scatti in movimento?

    • Neoz 10 maggio 2015 at 13:55

      Ciao ! Per foto di soggetti in movimento la cosa migliore è, oltre a tenere gli ISO un po’ alti per permettere tempi rapidi di scatto, impostare la messa a fuoco continua AI-SERVO (che consente alla macchina di continuare ad “aggiornare la messa a fuoco mentre il soggetto viene verso di te o si allontana) e la scelta automatica dei punti di messa a fuoco.
      Quest’ultimo settaggio utile specialmente se non hai il tempo di scegliere un soggetto e posizionare un punto di messa a fuoco specifico sul medesimo, prima dello scatto, e se il soggetto si sposta rapidamente da un lato all’altro dell’inquadratura.

      Un saluto !

      Neoz

  24. Angelo 10 maggio 2015 at 18:57

    Ciao federico
    i consigli di Neoz sono senz’altro preziosi e da seguire, ma vorrei porre più attenzione sulla priorità. Innanzi tutto poichè parliamo di movimenti rapidi ti consiglierei di impostare la macchina in priorità di tempi, la giusta velocità dipende molto dalla focale che usi; in pratica se dovessi montare un 135 mm (ad esempio) e tenendo conto che la 70D è un APS-C con fattore di moltiplicazione pari a 1,6, (e quindi il 135mm x 1,6 = 216mm), ti consiglierei di non scendere sotto un 250 (ma luce permettendo sarebbe meglio anche una velocità maggiore – 300/400/500), insomma più alto è il tempo e più fermi l’immagine, per il resto lascierei in automatico e far decidere al software la migliore combinazione tra diaframma ed iso.

    La scelta automatica dei punti di messa a fuoco può risultare vincente se ad esempio volessi riprendere degli uccelli in volo con lo sfondo del cielo, ma se insegui un bambino che corre in mezzo agli altri allora cominciano i guai, perchè la macchina non sa quale è il tuo soggetto. In questo caso potresti fare delle prove eseguendo la ripresa in live view e settare la macchina in modo che selezionando con lo schermo touch chi vuoi inseguire con la messa a fuoco (esiste anche il riconoscimento dei volti, eventualmente). Non vorrei complicarti le cose, ma se (con l’aiuto del manuale) vai nel menù scoprirai che questo tipo di inseguimento del soggetto può essere settato per una minore/maggiore sensibilità.

    In parole povere dovresti fare delle prove per settare la 70D in modo da rispettare la situazione in cui ti dovresti ritrovare.
    Non è complicato tutto questo, ma è solo che all’inizio ti può sembrare un po complesso; ma una volta che cominci a conoscere le grandi potenzialità della 70D ti verrà spontaneo entrare nei settaggi e personalizzartela.
    Buon lavoro e spero di averti aiutato

    • Neoz 10 maggio 2015 at 19:09

      Grande Angelo. Ottimo intervento. Grazie per il tuo contributo 🙂

    • Federico 10 maggio 2015 at 21:25

      Ho provato alcune impostazioni e secondo me quella “migliore” soprattutto per scattare foto a mio figlio di due anni che corre a destra e a sinistra e quella in AI servo impostando la messa a fuoco continua Con la scelta automatica dei punti di messa a fuoco in modo che con il pulsante af on blocco la messa a fuoco e seguo il soggetto,spero di fare bene,e con il pulsante di scatto scatto la foto….in più nei menù ho settato la messa a fuoco do la sensibilità di seguire solo quel soggetto fregandosene del resto….l unica cosa è che con il programma c che registra le impostazioni personalizzate non mi fa cambiare tempi e apertura o perlomeno dovrebbe cambiare il tempo,ho impostato iso in auto ….in live view non essendoci ai servo con il rilevamento facce perde il soggetto ma scatt più lentamente….ci devo prendere un po’ la mano …..la 70d è una gran bella reflex

      • Angelo 11 maggio 2015 at 00:41

        No scusa federico, ma non ci siamo!!!!, ma se imposti AI servo per la messa a fuoco continua non puoi poi bloccare la messa a fuoco con af on per bloccare la messa a fuoco !!!!!! Ti rendi conto che è un assurdo !!! è un controsenso, perchè da una parte dici alla macchina di seguire il soggetto con la messa a fuoco continua e poi la blocchi (la messa a fuoco) con il tasto af on !!!!!
        No no no cosi non va.
        Il tasto “af on” serve normalmente quando, ad esempio vuoi mettere a fuoco un soggetto che non si trova al centro dell’inquadratura e quindi prima inquadri il soggetto al centro dell’inquadratura e fai la messa a fuoco che poi blocchi con il tasto “af on” e successivamente ti riposizioni lasciando il tuo soggetto su un lato (che rimarrà a fuoco) e quindi scatterai la foto. Oppure ti ritrovi un soggetto che si sposta rispetto a te lateralmente (un cantante sul palco che va a destra o a sinistra) e vuoi che la messa a fuoco non si sposti perchè magari dietro di lui c’è ad esempio il batterista, che tu non vuoi fotografare, oppure le luci del palco che (concedimi una licenza poco poetica, ma chiara) ti “incasinano” la messa a fuoco andando avanti o indietro.
        Spero di non averti confuso, ma anzi di averti chiarito tra l’altro cosa potrebbe servire il tasto “af on”; non comunque come lo stai utilizzando tu.
        Se ti servono altri chiarimenti a riguardo, chiedi pure; cercherò in tutti i modi di aiutarti. D’altronde anche io a suo tempo ho dovuto fare diverse prove per capire meglio.
        Buon lavoro
        Angelo

  25. Federico 11 maggio 2015 at 09:49

    O nooooo 🙁
    In pratica ho sbagliato a scattare per una giornata intera …..a me piace fare foto veloci e la 70d è una bomba per velocità di scatto

    Ci devo prendere un po la mano
    anche perché la 600 d era totalmente diversa meno impostazioni e meno pulsanti

    Mi daresti una mano…..non per copiare Ma per rendermi conto

    • Angelo 11 maggio 2015 at 17:49

      Certamente che ti do una mano, però, forse posso tirare ad indovinare e pensare che il manuale della 70D l’hai consultato poco, per quel senso diffuso di voler usare subito la fotocamera per vedere e provare (anche io agli inizi tendevo a seguire questo comportamento), purtroppo oramai queste fotocamere moderne sono dei veri computer e pur con software dedicati per aiutarti, soprattutto agli inizi ti “Spaventano”.
      Come avrai capito ti consiglierei vivamente di studiarti il manuale e se posso darti un consiglio, terrei la fotocamera a portata di mano per vedere esattamente quello che è riportato nel suo manuale. Considerando che sono circa 470 pagine, ti sconsiglio di leggerle tutte insieme, ma affronta un argomento per volta.
      Ti potrei dire di iniziare a guardare il capitolo 3 (pag. 99) e il capitolo 7 (pag. 215), per affrontare le tue prime necessità per i consiglio del controllo della messa a fuoco.
      Attento che quei tastini messi a disposizione, sono tutti configurabili; quindi dovresti entrare nel menù per verificare come sono settati e se del caso modificare il loro settaggio come a te pare più opportuno.
      Molti chiedono quali siano i migliori settaggi; te lo dico subito non esiste un modo giusto, ma esistono solo tue necessità e conseguenti scelte.
      Non scoraggiarti per la lettura del manuale; tieni conto che in effetti quasi nessuno legge il manuale per dovere, ma va letto nello specifico quando si vuole capire il comportamento della fotocamera in particolari situazioni che ci interessano.
      Buona lettura
      Angelo

  26. Marco 16 maggio 2015 at 09:04

    Ciao Paolo sono possessore della 70d con la quale mi trovo benissimo 🙂 … Sono in procinto di acquistare un 24-105 l usm ma non ne sono sicuro al 100% … Vorrei sapere da te come si comporta su una 70 d e sopratutto a me interessa se il livello di nitidezza del 24-105 l sia superiore a un 17-55 2.8 ..grazie

    • Neoz 17 maggio 2015 at 22:10

      Ciao !
      Non lo uso molto sulla 70D il 24-105, ma si comporta sicuramente bene, senza alcun problema. Le APS-C come la 70D sicuramente perdonano i difettucci delle ottiche molto di più delle full frame, quindi no problem.
      Secondo me, al di la della costruzione, il 17-55 è però ancora migliore del 24-105, con l’unico difetto di non essere compatibile con il mondo full frame.
      Lo avevo ai tempi in cui utilizzavo solamente le APS-C ed era una lente splendida. Per me batte il 24-105, è nitidissima, più luminosa e ottimamente stabilizzata.
      Il 24-105 è costruito meglio e a prova di intemperie però…

      Ciao ciao !

  27. Federico 17 maggio 2015 at 22:15

    A me sembra che il 17 55 abbia preso un po più di vita con la 70d….mentre con la 600d che avevo non mi sembrava tanto nitido anzi il più delle volte la messa a fuoco non era della migliori…….

    la mia domanda è. ..fino a che apertura lo posso utilizzare per avere nitidezza ed immagini buone

    • Neoz 18 maggio 2015 at 11:01

      Non ti fare di questi problemi, sono solamente paranoie !!!
      Lenti di qualità vanno usate senza pensare ai diaframmi più nitidi ed altre finezze da forum di fotografia 😉
      La fotografia è decisamente ben altro che un grafico MTF …
      Tra l’altro parliamo di una lente fantastica 🙂
      Se la prendi usala in toto e senza pensarci. Ne sarai pienamente soddisfatto.
      Ciao !

  28. Federico 18 maggio 2015 at 11:08

    NEOZ una domanda
    leggo in diversi forum che la 70d ha problemi di messa a fuoco o.perlomeno ha problemi non in liveview ma con il mirino e nella scelta dei punti di messa a fuoco può capitare che sbagli e che una foto risulti sfocata.

    Per ora io non ho avuto di questi problemi ……tu che dici?
    In alternativa come potrei vedere e testare l obiettivi

    • Neoz 18 maggio 2015 at 11:28

      Mai avuto alcun problema con la 70D … e io l’ho presa non molto dopo la sua uscita ….
      Tutto ok qui, non so che dirti, potrebbero essere alcuni pezzi con qualche problema, ma sicuramente la mia non ne è affetta 🙂
      Ciao !

  29. Enrico 23 giugno 2015 at 08:20

    Ciao Neoz,
    Questa settimana mi regalo la 70d dopo 6 anni di eos 1000d. Come obiettivo ho il 15-85 ef-s che vorrei tenere e aggiungere il 70-200 f4 is L che comprerei insieme alla macchina. Secondo te é la scelta giusta o mi consigli di altre ottiche?
    Grazie e complimenti per la recensione.

    • Neoz 23 giugno 2015 at 17:31

      Se intenti dal punto di vista della qualità credo che il 70-200 f/4 IS sia una delle lenti migliori del mondo nel suo segmento. Quindi vai tranquillo.

      Non entro invece nel merito della scelta della tipologia di lente, perchè quello dipende in massima parte da quello che devi/vuoi fare tu 😉

      Per uso generale, reportage ed altro ancora, rimanendo leggeri, il 70-200 è una lente comunque eccellente, con la unica mancanza di un diaframma in più … ma anche io ho scelto quello al posto del più pesante e costoso modello f/2.8 perchè decisamente lo avrei usato molto meno e molto meno tranquillamente (visto costo e peso).
      Ciao ciao ! 🙂

  30. Federico 23 giugno 2015 at 18:25

    Ciao io invece avrei intenzione di cambiare il mio canon 10 22 con un ottica più nitida ai bordi tu cosa mi consigli?

    • Neoz 23 giugno 2015 at 19:09

      Ciao !
      Se vuoi stare su quelle focali è difficile trovare qualcosa di migliore per APS-C.
      Il nuovo ed economico 10-18 stabilizzato pare un po’ più nitido, ma non credo cambi la vita sul campo.

      Se vuoi di meglio devi prepararti ai fissi costosi serie L, ma arrivano fino a 14mm se non mi sbaglio.

      Su full frame un’ottima lente, che ho preso da poco è il 16-35 f/4 IS, non luminosissimo, ma nitidissimo. Ma su full frame perdi parecchio nella parte grandangolare …
      Io mi terrei il 10-22 😉

      Ciao ciao !

  31. Federico 23 giugno 2015 at 19:32

    Ma allora c’è un modo per mettere a posto le aberrazioni della lente ai bordi?

    • Neoz 25 giugno 2015 at 10:11

      Se parli di aberrazioni cromatiche il sistema è la postproduzione. Da Lightroom 4.1 i controlli sono piuttosto completi come discusso in questo articolo di qualche tempo fa : http://blog.neoz.it/2012/06/lightroom-4-1-nuovi-controlli-di-correzione-aberrazioni-cromatiche/

      Per la mancanza di nitidezza ai bordi … per quello ovviamente non c’è nulla da fare, se non chiudere un po’ il diaframma della propria lente in modo da migliorare il più possibile la resa. E magari procedere poi con una applicazione di maschera di contrasato in photoshop.

      Ma onestamente, nella maggior parte dei casi questa mancanza di nitidezza si nota solamente quando si zooma l’immagine su schermo e quindi è inutile dannarsi troppo 😛

      Ciao ciao

  32. Angelo 25 giugno 2015 at 10:02

    Per quanto riguarda il 10-22 su EOS 70D, concordo al 200% con Neoz. Solo una piccola nota ho visto diversi commenti di comparazione del 10-22 vs 10-18 STM e a dire il vero tutti si lamentavano parecchio della qualità del 10-18; tipicamente dicono che non è per niente nitido rilevando che se costa parecchio di meno del 10-22, ci sarà pure un perchè!
    Io posso solo dire che avendo sia la 70D che il 10-22 sono veramente stracontento della enorme chiarezza di tale obiettivo.
    Forse nel tuo caso il problema è da qualche altra parte !? (problema di quell’ottica e/o della 70D!?
    Angelo

  33. Angelo 25 giugno 2015 at 10:42

    Bravo Neoz !!!
    Con il digitale ormai quasi nessuno stampa le proprie foto, e vengono visionate sul monitor del PC o peggio su smartphone/tablet.

    Vorrei consigliare Federico di fare delle stampe, poichè la risoluzione dei monitor (tipicamente 96Dpi), ammazzano la nitidezza delle immagini, figuriamoci se poi le ingrandisci per cercare “il pelo nell’uovo”; sono solo paranoie.
    Angelo

  34. Federico 25 giugno 2015 at 11:27

    No no anzi ottica e 70d vanno bene anche se a volte ci sta che a qualche apertura non dia il meglio di sé. ….è chiaro che non è un ottica di serie l ma ho notato che da 9 a 11 è ok un po come tutti gli obiettivi hanno un apertura migliore delle altre poi ci sta che mi sbaglio e se magari avete consigli da darmi

  35. Federico 17 luglio 2015 at 10:17

    Ciao neoz
    stavo valutando l ipotesi di cambiare il mio 50 mm 1.8 con un 35 2.0 is per la mia 70d tu che dici
    per ritratti e Street per alleggerireun po il peso può andare bene?

    Inoltre cercavo un fisso per fare video e un microfonino……che ottica potrei mettere?
    Grazie

    • Neoz 17 luglio 2015 at 14:19

      Ciao !
      Sicuramente non alleggerisci il peso perchè pesa di più del 50ino 🙂
      Però la qualità è altra cosa, e forse per street è addirittura un po’ lungo su APS-C, ma meglio del 50.

      L’ottica è fantastica e versatilissima, ma non è l’ideale per ritratto in primo piano, dal piano americano alla figura intera va benissimo invece e anche per qualche mezzobusto, anche se le ottiche migliori per il mezzobusto sono da 85 in poi.

      Anche per il video il 35 stabilizzato è ottimo. Ma molto dipende da quello che devi fare. Su APS-C potrebbe risultarti un po’ lungo per alcune tipologie di video.

      Ciao ciao !

  36. Michele 25 agosto 2015 at 22:56

    Ciao, complimenti per la recensione.
    Ho una 60D ma le nuove funzioni della 70D mi allettano parecchio.
    In particolare mi interessa l’autofocus continuo in video. Ma avevo letto che per sfruttre la tecnologia dual pix ci volesse per forza una delle ottiche che escono nella confezione e non funzionasse con le ottiche classiche. Da come ne hai parlato nella recensine sembra funsionino lo stesso. Mi confermi che l’autofocus continuo funziona anche con le altre ottiche?
    GRAZIE 🙂

    • Neoz 26 agosto 2015 at 11:50

      Ciao e grazie,
      si ti confermo che con la mia 70D utilizzo tranquillamente tutti gli obiettivi EF in mio possesso e funzionano con l’autofocus DUAL PIXEL CMOS AF senza problemi.
      Ciao ciao !
      Neoz

  37. Silvano 27 settembre 2015 at 21:46

    Gran bel post. Ricco di informazioni utili e riferimenti precisi così come la video recensione della Canon 70D. I miei complimenti Paolo. Da oggi sono un tuo follower.

  38. Stefano 19 ottobre 2015 at 16:16

    Ciao, chiedo a te che sei esperto se i problemi sulla 70D di MAF da mirino tramite punto centrale con ottiche luminose mentre tramite livewiev si ottengono scatti perfetti siano così incidenti come casistica da metterne in dubbio l’acquisto. In rete si parla molto di questo difetto su 70D. Grazie.

    • Neoz 4 novembre 2015 at 17:19

      Ciao, io ho uno dei primi corpi usciti e la messa a fuoco funziona senza alcun problema con tutte le mie lenti, luminose e non.
      Non so cosa dirti, magari è un problema vecchio limitato a qualche lotto di produzione.
      Per me vai tranquillo.

      Ciao ciao

    • Angelo 6 novembre 2015 at 17:48

      Con la 70D è tutto ok, io uso anche un 50mm 1.8 STM, e non ho nessun problema. Forse c’è in giro qualche modello di primissima serie che dava problemi, per cui occhio se trovi in rete la 70D a prezzo stracciato.

  39. Stefano 4 novembre 2015 at 17:23

    568? Mi sono perso qualcosa. Ero onvi to ci fossero solo due versioni, con e senza wifi. Illuminami, ti prego, grazie …

    • Neoz 4 novembre 2015 at 17:32

      No ho sbagliato commento io, era relativo ad altra domanda ^_^ Sorry !

  40. Gabriel 22 dicembre 2015 at 13:53

    Ciao Neoz!
    Proprio dopo la lettura di questo tuo articolo, qualche mese fa, ho deciso di compare la Canon 70D. Tutto perfetto…fino a quando ho deciso di comprare un flash esterno; ho preso lo Yongnuo 568 EX II, il fatto è che in modo M, riesco a farlo scattare, ecc, ma in modo ETTL, che in teoria non è creativo ma facile, mi vengono scatti assolutamente neri!!!.
    Ho fotografato un vita con luce naturale, ma ho visto che anche con un solo flash wireless ed un brolly diffusore si ottengono risultati spettacolari, ma già…o che io sono negato per impostarlo o questo flash, al contrario dei consigli non comunica con la mia Canon.
    Potresti aiutarmi???
    Grazie mille.

    • Neoz 23 dicembre 2015 at 19:55

      Ciao ! Mi spiace di questa tua problematica che, purtroppo, non è di facile comprensione non avendo per le mani il flash. Ti direi di leggere bene le istruzioni e verificare bene che tutto sia a posto.
      In teoria non dovrebbe essere complesso. Non so cosa dirti di fare senza sapere altro.

      Sorry ! Buona fortuna.

  41. Emanuela 26 febbraio 2016 at 17:34

    Ciao! sono approdata qui perchè la mia canon 60d non mi legge più la memory card. La manderò in assistenza ma nel caso di un preventivo costoso, non so cosa fare.
    La macchina ha 5 anni. Ho pensato anche a comprare una 70d ma è in uscita la 80d e forse dovrei aspettare ancora un pò per un calo di prezzo della 70d.
    Non so cosa fare. Quanto dovrei pagare la riparazione della 60d per un giusto compromesso?
    Quanto dovrei pagare le 70d ora che sta uscendo la 80d?
    Volevo chiederti inoltre e c’è un reale abisso fra la 60d e la 70d. I video non mi interessano. Quello che invece prediligo è una buona tenuta ISO. La 60d a 1600 già mi fa storcere il naso…
    Mi daresti qualche consiglio?
    Grazie mille!!!!

    • Neoz 4 marzo 2016 at 16:37

      Ciao !
      Prova a valutare cosa ti chiede Canon, se sono 200 euro mi terrei la 60D che, pur non essendo nuovissima, ha buone prestazioni.
      Non credo che la 80D abbia un sensore magico, quindi ad alti iso non sarai distantissima dalle ultime APS-C di Canon …
      Le valutazioni di mercato non te le so dire, ma finchè non sarà disponibile 80D la 70D non si abbasserà di molto.

      Se devi cambiare quindi aspetta qualche mese, consiglio mio …

      Ciao ciao !

  42. Antonio 19 marzo 2016 at 15:43

    salve avrei una domanda da farti …io devo prendere una reflex per fare qualche lavoretto e sono indeciso tra la canon 70d e la nikon 7100d .secondo te quale è la migliore? so che sono simili ma non mi convince molto il fuoco (punta e scatta) o qualche foto in movimento e gli iso .
    secondo te la 70d e molto meglio della nikon ?ho lavorato sempre con canon ma ci sono cose sulla nikon che canon non ha e la canon che nikon non ha …
    attendo tua risposta .
    grazie e a presto .
    Antonio

    • Neoz 24 maggio 2016 at 07:41

      Ciao e scusa per il ritardo …
      Onestamente credo che siano due ottime macchine, ma … uso la 70D e non la 7100 di Nikon quindi non posso darti un raffronto diretto.
      Credo che la scelta alla fine vada fatta verso il marchio … se hai già strumentazione Canon non ha senso migrare verso Nikon 😉

      Ora è disponibile anche la 80D tra l’altro …

  43. Andrea 8 maggio 2016 at 16:47

    voglio prendere la 70d come 2 corpo la prendo usata il tipo mi dice che ha meno di 7000 fotografie allora deduco che ha’ usata per video dato che e un fotografo proff. E’ possibile vedere le ore di video?
    a cosa devo stare attento perdendola usata
    grazie e buona domenica

    • Neoz 24 maggio 2016 at 08:09

      Ciao ! Non credo si possa verificare le ore di utilizzo video.
      Almeno io non ho alcuna idea di come fare 😉

      Per l’usato è sempre un po’ a fortuna a meno che non conosci bene il venditore e sai che non ti sta mentendo.

      Controlla almeno che non ci sia alcun segno d’uso importante all’esterno, controlla la zona dell’otturatore a vista e prova la macchina prima dell’acquisto.

      Ciao ciao !

Comments are closed.